Sabato, 14 Novembre 2015 11:05

Sala Umberto. Figli di un Dio minore: esperimento creativo. Recensione

Scritto da

ROMA - Al Teatro Sala Umberto è in scena lo spettacolo FIGLI DI UN DIO MINORE, di Mark Medoff, scritto nel 1978, messo in scena negli Stati Uniti nel 1980 e poi trasposto in un film di successo.

Nel 1986, infatti, meritò ben cinque nominations agli Oscar e la protagonista femminile Marlee Matlin vinse per quell’interpretazione l’Oscar e il Golden Globe. Indubbiamenteun lavoro importante e complesso da realizzare, che vede  insieme sul palcoscenico attori “udenti” e “non udenti” (per usare la terminologia del testo).  La pièce ci racconta le difficoltà dell’incontro e poi dell’amore fra James Leeds, un insegnante logopedista, e Sarah Norman, una giovane ex allieva dell’Istituto per sordi, in cui è rimasta a lavorare come cameriera. In questo lavoro la distanza fra il mondo degli udenti e quello dei non udenti diventa paradigma emblematico del confronto costante fra le tante solitudini legate alle diverse appartenenze sociali e culturali.  Se è vero che il nuovo insegnante di logopedia dell’Istituto, James, usa metodi anti-convenzionali per aiutare i non udenti a parlare (e con innegabili risultati), la vera sfida per il docente è rappresentata da Sarah, una giovane donna, bella, intelligente e sorda fin dalla nascita. Una ragazza che ha preferito rimanere nell’istituto, dentro i confini del suo mondo fatto di silenzio. “La sordità - risponderà a Leeds - non è il contrario dell’udito. È un silenzio pieno di suoni”. E per questo motivo che Sarah si rifiuta di parlare, si rifiuta di leggere il labiale e si esprime solo attraverso la lingua dei segni.  L’incontro tra queste due forti personalità, diverse e apparentemente distanti, farà nascere la scintilla dell’amore, anche se la loro relazione deve superare molti ostacoli, dovuti proprio dall’incontro-scontro tra due personalità così forti e determinate.  

L’allestimento di “Figli di un Dio minore” prende il via da un laboratorio dedicato a giovani interpreti, sordi o con l’udito parzialmente danneggiato, attori udenti ed esperti della lingua dei segni, con l’intento di approfondire le  potenzialità espressive del doppio binario fra lingua dei segni e comunicazione orale. Il progetto è stato realizzato in stretta collaborazione con l’ISSR, Istituto Statale dei Sordi di Roma. Il risultato è veramente interessante. Giorgio Lupano domina la scena, mostrando una notevole padronanza anche della lingua dei segni: in alcuni momenti delle scene con Sarah, sembra di assistere, paradossalmente, a un “monologo a due voci”. Lei, invece, Rita Mazza, dimostra grande disinvoltura e naturalezza sulla scena, grazie alle sue notevoli doti di mimica e di espressività, sia del volto, che del corpo. Accanto a loro, sul palcoscenico, Cristina Fondi, nel ruolo della madre, Francesco Magali (nella parte del Preside burbero), Gianluca Teneggi e Deborah Donadio (i due allievi di James che invece hanno fatto progressi)Accurata e impegnativa la regia, curata da Marco Mattolini, mentre le scene, semplici e funzionali, che a volte risultano fantasiose e suggestive, sono firmate da Andrea Stanisci. Interessante anche la traduzione del testo originale, realizzata da Lorenzo Gioielli.  Uno spettacolo certamente impegnativo, ma ricco di significati e di positività!

           

fino al 22 novembre 2015

Teatro SALA UMBERTO 

Via della Mercede, 50

Info: 0680687231/ 06.6794753

www.salaumberto.com  

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]