Venerdì, 20 Novembre 2015 11:00

Steve Jobs. Film coraggioso e non agiografico. Recensione

Scritto da

ROMA - “Steve Jobs, un maniaco del controllo, incapace di superare il trauma della propria adozione”.

È così che il padre del Macintosh appare nel coraggioso biopic di Danny Boyle, il regista americano, premio Oscar nel 2008, con “The Millionaire”.  Il biopic, osteggiato dalla famiglia del fondatore della Apple Inc. è stato ispirato alla biografia ufficiale “Steve Jobs” di Walter Isaacson, incaricato da Jobs in persona, prima di morire. Per Danny Boyle, era necessario comunque, proseguire in questo progetto ambizioso che rappresenta “più di una biografia, essendo il film diviso in tre capitoli, che corrispondono a tre epoche differenti: 1984-1994 -1998, dalla nascita dell’Apple Inc., all’ascesa del mito”.  “Abbiamo evitato di parlare dello strazio della malattia e della morte, tenendo fuori dal racconto la vedova Laurene Powell e gli altri figli, rispettando la loro volontà”. 

E’ merito dello sceneggiatore, Aaron Sorkin, premio Oscar per The Social Network, lo stile avvincente e ritmato degli script che riesce a tenere alta l’attenzione dello spettatore, nonostante la scelta di un’unica ambientazione. Tutte e tre i capitoli sono, infatti, ambientati nel backstage dei teatri, pochi minuti prima del lancio dei nuovi prodotti: il Macintosh, il cubo di Next e l’iMac. Un unico scenario, per tre epoche, in uno stile teatrale, che lascia però spazio ai flashback e alle riflessioni di Jobs sulla propria vita. Sotto la lente di ingrandimento, il rapporto controverso con sua figlia Lisa, nata dalla relazione con la pittrice californiana Chris Ann Brennan nel 1978, ma riconosciuta soltanto nell’86. “La paternità ha tirato fuori il peggio di te” esclama Joanna Hoffman, la sua assistente personale in un momento di nervosismo, interpretata da un’eccezionale Kate Winslet. La paternità ha innescato in lui, i ricordi dolorosi sulla sua adozione, il trauma di non aver conosciuto i genitori biologici e l’incubo di non essere stato mai amato.  Un film freudiano, che cerca di gettare luce sul perché dell’intrattabilità di Jobs – celebre il premio satirico annuale istituito tra i dipendenti per chi riusciva a sopportarlo – ed enfatizza anche la sua umanità: l’amore controverso per la figlia, la necessità del sostegno della sua assistente, l’istinto di protezione verso il suo ex socio, Steve Wozniack (“Un uomo deve proteggere i più deboli e io sempre lo proteggerò”, esclama il protagonista).

Un cast strepitoso: a pari merito per la mirabile performance Michael Fassbender, talento istrionico, capace di immedesimarsi profondamente nella personalità di Jobs, tanto da imitarne le idiosincrasie e la bravissima Kate Winslet, nei panni di Joanna Hoffmann, la cosiddetta “lady di ferro”, l’unica capace di tenergli testa.

Convincente anche Seth Roger, che interpreta più che dignitosamente l’informatico Steve Wozniack, geniale co-fondatore di Apple, dall’aria naif e il temperamento polemico.

“Non elogio e non critico Steve Jobs: è stato un pioniere del nostro secolo. E per questo trovo giusto che la sua vita sia conosciuta dalle giovani generazioni”, conclude il regista. 

Intanto, negli Usa, il film si è rivelato un flop, non sarà forse per il patriottismo tutto americano, che non vede di buon occhio chi intacca il mito dei propri “self made man” ? Al pubblico europeo, l’ardua sentenza: l’appuntamento al 21 gennaio. 

Steve Jobs, 122’ nelle sale dal 21 gennaio 2016

di Danny Boyle 

Con Seth Roger, Michael Fassbender, Jeff Daniels, Michael Stuhbarg, Kate Winslet

Distribuzione: Universal Pictures

Steve Jobs - Trailer

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]