Martedì, 01 Dicembre 2015 17:44

Woody Allen. Ottant’anni non misurabili

Scritto da

Celeberrima la battuta di Woody Allen sulla maturità anagrafica: “La maturità di una persona non si misura dall’età, ma dal modo con cui reagisce svegliandosi in pieno centro in mutande”

ROMA - Se ci fate caso, c’è sempre un film di Woody Allen in uscita.  Più di James Bond. Del resto, di 007  ne sono stati girati 24, mentre il pigro, disincantato, pessimista Allen ne ha alle spalle ben 45: come regista, come interprete o in entrambi i ruoli. C’è chi li ha visti tutti, chi solo i primi, da Prendi i soldi e scappa e Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso e non avete mai avuto il coraggio di chiedere. C’è chi invece si è fermato a Pallottole su Broadway o a Crimini e misfatti. Neanche  James Bond può contare sulla fedeltà totale dei suoi primi spettatori, è un fatto generazionale. Eppure Woody Allen che oggi, 1° dicembre, nella sua Manhattan compie ottant’anni, continua a sfornare film e a  dire che non si spiega il perché. Geniale!

C’è chi fa un film dopo l’altro sfruttando l’onda della popolarità prima che si esaurisca. C’è chi, come Clint Eastwood, fa  film per poter un giorno passare, come ha fatto, da attore a regista. C’è chi fa film soprattutto per i soldi. Woody Allen è diventato da attore regista fin dai primi titoli, la sua è una popolarità  anomala: è più apprezzato dal pubblico europeo che da quello americano.  Se da noi  si diceva, giustamente, che i film di Alberto Sordi non arrivavano a Chiasso, perché la sua fama era tutta e solo italiana, i film di Woody Allen non incassano una lira nelle sale della grande provincia americana, dove le preferenze del pubblico sono per Rambo, Guerre Stellari e, a suo tempo, Apocalypse now.

Straniero in patria, si direbbe di Woody Allen a New York, se non fosse che lui  nella sua bella casa con vista su Central Park  ci vive benissimo. La mattina al lavoro nel suo ufficio da anni sistemato in una suite d’albergo, la sera a cena spesso in un ristorante italiano di cui apprezza soprattutto i piatti di pasta, oppure a suonare il clarinetto con un gruppo di amici musicisti mediocri come lui. Mai ad un gala cinematografico, mai ad un festival, mai calpestato un red carpet. 

Si dirà: che vita è questa di un grande del cinema che  disdegna la mondanità?  Vallo a capire. Eppure nella vita privata di pasticci ne ha combinati anche lui, lo schivo Woody. Ha sempre detto: mi piacciono le belle donne, però con  Mia Farrow, che di guai gliene ha fatti passare parecchi, non ha mai messo su casa. Abita, la Mia, dall’altra parte di Central Park, se non fosse stato per gli alberi più alti si sarebbero potuti salutare dalla finestra. In casa si è messo, dopo averla sposata, la coreana Soon YI non proprio una bellezza patinata. Eppure ci va ancora d’accordo. 

Non è facile andare d’accordo con Allen. A cominciare dal suo pessimismo cosmico, che mette in dubbio perfino l’esistenza di Dio, lui ebreo non praticante. Una delle sue tante contraddizioni: come quando fa dire ad un suo personaggio ”Al mio psicanalista do ancora un anno di tempo, poi vado a Lourdes”. 

Come passerà oggi il giorno del suo compleanno? Una volta disse: “Dormendo. C’è poco da festeggiare”. Però aggiunse: “Mio padre è morto centenario, mia madre a 96 anni, io sto abbastanza bene di salute, quindi”. Auguri Woody! E al prossimo film! ( il 45esimo, Irrational man, manco a dirlo, è la storia di un professore di filosofia devastato dalla depressione che si appassiona soltanto all’omicidio, n.d.r).

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]