Venerdì, 15 Gennaio 2016 13:01

Teatro Parioli. “Aspettando Godot”, intramontabile capolavoro. Recensione

Scritto da

ROMA – Si è tenuta ieri, al Teatro Parioli Peppino De Filippo, la prima dell’intramontabile capolavoro di Samuel Beckett, “Aspettando Godot”, con la regia di Maurizio Scaparro, che rimarrà in scena fino al prossimo 24 gennaio. A vestire i panni di Estragone, detto Gogo, e Vladimiro, detto Didi, sono i formidabili Antonio Salines e Luciano Virgilio, i quali attendono con ansia un certo Signor Godot, di cui non si sa quasi niente.

I due, vestiti di stracci e, a tratti, poco lucidi, per ingannare l’attesa, parlano davvero di tutto, un’iperbole dopo l’altra, in un crescendo di tensione che arriva al culmine con l’entrata in scena di Pozzo e Lucky, interpretati dagli straordinari Edorardo Siravo e Enrico Bonavera.

I sentimenti che legano i protagonisti sono estremi e contrastanti e il senso di attesa e di speranza iniziali, lasciano ben presto il posto all’angoscia e alla disillusione per l’ennesima aspettativa disattesa che li immobilizza, invece di scuoterli. La grande attualità del testo di Beckett è resa alle perfezione dalla sapiente regia di Maurizio Scaparro e dal trasporto degli attori sul palco, uniti da una profonda intesa. Un plauso particolare, inoltre, va a Michele Degirolamo, che interpreta il Ragazzo che, alla fine di ogni atto, giunge a portare notizie del fantomatico Godot ai disperati mendicanti di attenzione.  Didi e Gogo, infatti, sono l’emblema dell’uomo del Novecento che, anche oggi, passato il giro di boa degli anni duemila, è in eterna attesa di qualcosa che sembra proprio non voler arrivare. Lavoro, famiglia, stabilità: la realizzazione di sogni e aspirazioni, anche e soprattutto adesso, in un periodo di crisi, è lastricata da frustrazioni e turbamenti che si acuiscono col passare del tempo.

L’interpretazione degli attori sul palco è particolarmente intensa e drammatica, colorando di umanità e sentimento una scena che siamo soliti legare al cosiddetto Teatro dell’assurdo, ma nella quale lo spettatore, confuso ed emozionato, riesce a riconoscersi e immedesimarsi con grande entusiasmo. È il concreto sconforto dei coraggiosi, eppure inermi, protagonisti a contagiarci ancora, unendo il riso al pianto, perché, in fondo, ben poco è cambiato oggi, rispetto a quel secondo Novecento che ha dato e tolto tante speranze a molte generazioni. Del resto, ognuno ha il proprio Godot e forse non ci resta altro che continuare ad aspettare. 

SPETTACOLO: ASPETTANDO GODOT 

DI: SAMUEL BECKET

PRESENTATO DA: CENTRO D’ARTE CONTEMPORANEA TEATRO CARNANO

REGIA: MAURIZIO SCAPARRO

CON: ANTONIO SALINES, LUCIANO VIRGILIO, EDOARDO SIRAVO, ENRICO BONAVERA, MICHELE DEGIROLAMO

SCENE: FRANCESCO BOTTAI

COSTUMI: LORENZO CUTULI

DISEGNO LUCI: SALVO MANGANARO

UFFICIO STAMPA: MAURIZIO QUATTRINI 

TEATRO: TEATRO PARIOLI PEPPINO DE FILIPPO – via Giosuè Borsi 20, 00197, Roma 

INFO E PRENOTAZIONI: Tel. 06/8073040 – Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SPETTACOLI: In scena dal 14 al 24 gennaio 2016

BIGLIETTI: platea 27 €, galleria 22 €

www.teatropariolipeppinodefilippo.it

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]