Martedì, 01 Marzo 2016 12:10

Teatro dell'Opera: grandi coreografi e giovani talenti

Scritto da

Eleonora Abbagnato sceglie storia e sperimentazione per promuovere sul palco le abilità dei suoi giovanissimi

ROMA - Un tocco di intelligenza, larghe vedute e acculturamento nei confronti di chi di danza ne sa fino a un certo punto, quello proposto da Eleonora Abbagnato per questa nuova stagione del Balletto al Teatro dell’Opera di Roma. Aldilà dei classici, che abbiamo potuto ammirare negli scorsi mesi in Giselle, Coppélia e Lo schiaccianoci - con importanti coreografie e talentuosi giovani ballerini (tutti iper-selezionati dalla grintosa neo-direttrice artistica del corpo di ballo ed étoile parigina di acclamato spessore) – la scelta di “spezzare” il calendario facendo conoscere lavori dal punto di vista autoriale (e quindi coreografico) e non nella loro interezza, si rivela alquanto interessante per chi è digiuno, parzialmente digiuno, nostalgico o non brillantemente memore di un indimenticabile periodo storico – dal XX secolo ad oggi, che ha visto firmare spettacoli di danza – su musiche del passato e contemporanee – da indubbi artefici innovativi dell’arte del movimento.

Stiamo parlando dello spettacolo GRANDI COREOGRAFI, in scena fino al 6 marzo che mette in rilievo nomi del calibro di Balanchine, Millepied, Forsythe e Nureyev riproponendo alcune delle loro creazioni più storiche. Il programma della serata, che si è aperto con Serenade di George Balanchine (curata dal maestro ripetitore Ben Huys) - quattro movimenti (sulla Serenata in do maggiore per Orchestra e archi di Čajkovskij) e nessuna trama definita – riprende i costumi di Barbara Karinska entrati nella storia per le loro sfumature quasi impressionistiche. Una perfetta sincronia di gruppo concentrata sulla leggiadria (nella rappresentazione del 28 marzo a cui abbiamo assistito) di Alessandra Amato, Prima Ballerina della Compagnia.

La Abbagnato ha deciso di premiare il suo affezionato pubblico (che riempie, finalmente rispetto al passato, ogni data del calendario) esibendosi poi con un suo personale cavallo di battaglia: Closer di Benjamin Millepied su musiche di Philip Glass suonate dal vivo dalla disinvolta Enrica Ruggiero, come disinvolti e totalmente affiatati erano i protagonisti di questo passo struggente a due giocato sul minimalismi e sulla coesione-separazione dei corpi affettivi. A duettare con Eleonora c’era nientemeno che il primo ballerino  dell’Opéra parigina, Florian Magnenet. Una coreografia del genere, basata su movimenti precisi e animati da un trasporto emotivo che coglie corde plurisensoriali non andrebbe neanche raccontata, ma solo visto – o più direttamente – respirata…

In seguito, la difficoltosissima partitura gestuale di The Vertiginous Thrill of Exactitude, breve balletto neoclassico creato nel 1996 dal newyorkese William Forsythe, ha messo a dura prova tre donne (Annalisa Cianci, Elena Bidini e Sara Loro) e due uomini (Claudio Cocino e Alessandro Vinci). Sarà la decostruzione postmoderna del movimento, saranno i futuristici abiti in contrapposizione lineare con i passi di danza, ma l’armonia di gruppo e la coesione con la musica non ci hanno particolarmente convinto, pur apprezzando lo sforzo costante di stare appresso ai disequilibri provocatori - tra accelerazioni e decelerazioni – creati da Forsythe.

Una perfetta fusione tra ritmo gestuale e musicale si è invece adoperata nelle complicata coreografia di gruppo del gran finale sello spettacolo, affidato al III atto di Raymonda – su musiche di Aleksandr Glazunov nei divertissement scintillanti della prima coreografia di Rudolf Nureyev creata al suo arrivo in Europa nel 1961. Benché fosse una prima esperienza per i ballerini del Teatro dell’Opera di Roma – come hanno tenuto a i maestri ripetitori Patricia Ruanne e Frédéric Jahn che con Nureyev lavorarono da giovanissimi proprio in questa produzione – il risultato è, tanto dal punto di vista scenico che coreografico, coinvolgente. Su tutti spicca la solista Susanna Salvi che sembra possedere ritmo musicale dentro le scarpette, tanto è la precisione con cui ritma la colonna sonora tra piroette e passi classici ungheresi, dando una straordinaria impressione di grazia, leggerezza, semplicità e coesione col partner, pur divertendosi e divertendo nella sua azione sul palco. Susanna non strafà, si limita ad eseguire con la massima diligenza e professionalità la sua partitura ma è sicuramente con questa disinvolta nonchalance artistica che conquista lo sguardo di un anche distratto spettatore. Non c’era modo di concludere meglio questa tetra-operazione “sperimentale” valida tanto dal punto di vista artistico quanto didattico. Osare – per L’Opera di Roma – deve divenire un punto di forza: solo in questo modo i retaggi di conservatorismo e melensa abitudinarietà, purtroppo percepiti negli scorsi anni, potranno essere rimossi.

GRANDI COREOGRAFI

Dal 26 febbraio al 6 marzo 

Teatro dell'Opera di Roma

www.operaroma.it

SERENADE

Music by Pëtr Il’ič Čajkovskij

Choreography George Balanchine

revived by Ben Huys

Costume designer Barbara Karinska

Lighting designer  Agostino Angelini

Performers

Rebecca Bianchi /Alessandra Amato 27 (15.00), 28

Marianna Suriano / Alessandra Amato 2

Alessia Gay / Roberta Paparella 28

Michele Satriano 26, 27 (15.00), 27 (20.00), 2  / Domenico Gibaldo 28 / Claudio Cocino 1

Giacomo Castellana / Giuseppe Schiavone 27 (15.00), 2

CLOSER

Music by Philip Glass

Chorepgraphy Benjamin Millepied

revived by Sébastien Marcovici

Stage and Costume design Benjamin Millepied

Lighting designer Roderick Stewart Murray

Performers

Woman Eleonora Abbagnato

Man Florian Magnenet

Piano Enrica Ruggiero

THE VERTIGINOUS THRILL OF EXACTITUDE

Music by (on recorded base) Franz Schubert

Choreography William Forsythe

revived by Amy Raymond, Stefanie Arndt

Stage and Lighting designer William Forsythe

Costume designer Stephen Galloway

Performers

Three Women

Alessandra Amato / Annalisa Cianci 27 (15.00), 28

Eugenia Brezzi / Elena Bidini 27 (15.00), 28

Susanna Salvi / Sara Loro 27 (15.00), 28

Two Men

Giacomo Luci / Claudio Cocino 27 (15.00), 28

Alessio Rezza / Alessandro Vinci 27 (15.00), 28

RAYMONDA III ATTO

Music by Alexander Glazunov

Choreography Rudolf Nureyev

revived by Patricia Ruanne, Frédéric Jahn

Design Barry Kay

Lighting designer Agostino Angelini

Performers

Raymonda Rebecca Bianchi 26, 27 (15.00), 2 / Sara Loro 27 (20.00), 1 / Susanna Salvi 28

Jean de Brienne Claudio Cocino 26, 27 (20.00), 1 / Michele Satriano 27 (15.00), 2 / Giuseppe Depalo 28

Roi Manuel Paruccini / Giuseppe Schiavone 27 (15.00), 28

ORCHESTRA, ETOILES, SOLOISTS AND CORP DE BALLET OF THE TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]