Domenica, 05 Giugno 2016 22:36

“In nome di mia figlia”. Un caso giudiziario francese. Recensione

Scritto da

In nome di mia figlia, racconta la vicenda reale accaduta a André Bamberski: un commercialista francese, che per ottenere la condanna del medico tedesco che gli aveva violentato e ucciso la figlia quattordicenne ha dovuto lottare per trent’anni.

In conferenza stampa  Vincent Garenq, il regista, ha spiegato che il film narra la storia di un’ossessione, raffigura un tipo psicologico sorretto da incredibile ostinazione che, se gli renderà difficile la vita, gli farà ottenere giustizia. Caso che in Francia ha avuto grande eco.  “Per quanto determinato possa apparire il protagonista interpretato da Daniel Auteuil -  dice Garenq  -André Bamberski in persona  è ancora più testardo. Lui di mestiere fa il commercialista,  si occupa di conti e di regole, è pignolo, vuole cifre in ordine e aver ragione. Questo suo carattere gli ha permesso di arrivare fino in fondo:  i suoi difetti sono diventati qualità preziosissime per la sua lotta.”

La storia inizia in Marocco dove la moglie di Bamberski viene insidiata da un medico tedesco, premuroso amico di famiglia, il dottor Krombach, interpretato da Sebastian Kock. I due coniugi tenteranno di salvare il matrimonio, ma Krombach, ricomparirà nella loro vita e Bamberski deciderà di separarsi dalla moglie. La loro figlioletta adolescente un giorno andrà a passare le vacanze presso la madre e il dottor Krombach, ma non farà più ristorno a casa …

Vincent Garenq torna a occuparsi di giustizia, dopo due lavori che indagano il tema da altre angolature e confeziona un lungometraggio pulito, veritiero, non esente da suspense. “In nome di mia figlia” fa riflettere sulla fallibilità dei verdetti, sui lacci e laccioli burocratici tra i paesi europei,  blocchi di frontiera  che possono impedire di arrivare alla verità e all’equità della pena.  Il cast è di ottimo livello, su tutti spicca Daniel Auteuil al quale molto si deve se il film farà presa sul pubblico italiano.

Genere Drammatico

Durata 87 minuti

Regista Vincent Garenq

Attori Daniel Auteuil, Sebastian Koch

Uscita ITA 9 giugno 2016

In nome di mia figlia - trailer

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]