Domenica, 16 Ottobre 2016 10:13

Sala Umberto. “Le Bal”, l’Italia che balla. Recensione

Scritto da

Dalla Seconda Guerra Mondiale, al crollo delle Torri Gemelle, la Storia di un’Italia inedita, tra ballo e canto

ROMA – L’Italia che balla è in scena al Teatro Sala Umberto con lo spettacolo “Le Bal” fino al prossimo 23 ottobre: una rappresentazione unica nel suo genere che unisce musica e danza, trasformando i ballerini in veri e propri attori i quali, invece di utilizzare le parole, si servono del linguaggio del corpo per raccontare le vicende che hanno attraversato il nostro Paese dalla Seconda Guerra Mondiale, all’attentato alle Torri Gemelle.

Tratto da un’idea di Jean-Claude Penchenat, questo fortunato format francese, magnificamente adattato alla realtà italiana, vede la scena aprirsi all’interno di una balera che diventa lo specchio del nostro Paese, tra musica e danza. Si tratta, infatti, di una vera e propria cartina di tornasole delle reazioni degli Italiani, rappresentati da sedici attori e ballerini di magistrale espressività, ai fatti che scuotono il Mondo in oltre sessant’anni di Storia.  Originale ed evocativo al tempo stesso, questo spettacolo unisce, ai balli e alle canzoni più amate, un originale tuffo nella Storia d’Italia che ogni coppia di danz-attori affronta o subisce a suo modo, in un mosaico di vite che si intrecciano alla perfezione, tra bombardamenti e attentati terroristici, passando per la ricostruzione e il boom economico. La scenografia, semplice, ma arricchita da giochi di luci, è colorata dai meravigliosi costumi che spesso cambiano direttamente sulla scena, trasformandosi a seconda delle necessità e delle circostanze.

Una combinazione inimitabile di divertimento e poesia che, senza bisogno di parole, affida la magia del racconto alla musica e al balletto, in grado di farci riflettere sul passato attraverso emozioni nuove e sorprendenti.

SPETTACOLO: LE BAL – L’ITALIA BALLA DAL 1940 AL 2001 

DI: JEAN-CLAUDE PENCHENAT

PRESENTATO DA: VIOLA PRODUZIONI s.r.l., L’ISOLA TROVATA s.r.l.

REGIA: JEAN-CLAUDE PENCHENAT

CON: GIANCARLO FARES, SARA VALERIO, ALESSANDRA ALLEGRINI, RICCARDO AVERAIMO, ALBERTA CIPRIANI, VITTORIA GALLI, ALICE IACONO, MATTEO LUCCHINI, FRANCESCO MASTROIANNI, DAVIDE MATTEI, MATTEO MILANI, PIERFRANCESCO PERRUCCI, MAYA QUATTRINI, MICHELE SAVOIA, PATRIZIA SCILLA, VIVIANA SIMONE

SCENOGRAFIA: MARCO LAURIA

COSTUMI: FRANCESCA GROSSI

COREOGRAFIE: ILARIA AMALDI

LIGHT DEGNER: LUCA BARBATI

SOUND DESIGNER: GIOVANNI GRASSI

UFFICIO STAMPA: SILVIA SIGNORELLI, MONICA MENNA 

TEATRO: SALA UMBERTO – via della Mercede, 50, Roma – 06/6794753

SPETTACOLI: In scena dall’11 al 23 ottobre 2016

BIGLIETTI: da 23 a 32 Euro

www.salaumberto.com

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La ruota della vita

Si cresce e dentro si muore Si grida e nessuno ci ascolta.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]