Mercoledì, 09 Agosto 2017 12:53

I solisti del Teatro. “Coro di donna e uomo”. Recensione

Scritto da

ROMA – E’ suggestivo il fondale dei Giardini della Filarmonica, fronde verdi mosse dal vento su cui la luce scivola voluttuosa. Non serve altra scenografia a Barbara De Rossi e Francesco Branchetti, appassionati interpreti del grido di “Coro di donna e uomo”, di Gianni Guardigli, ambizioso recital sulla sofferenza umana e sulla sua necessità di catarsi. Sottolineato dalle musiche originali di Pino Cangialosi. 

Gli attori ce la mettono tutta. Nell’aria risuonano a fasi alterne gli accenti tragici di Fedra che s’innamora non ricambiata del figliastro e di Andromaca, privata degli affetti. Di Lady Macbeth assetata di potere. E, risalendo il tempo, della madre palestinese che piange il figlio morto e intuisce profeticamente come la distruttività chiami il terrore.

Giusto contrappunto alla brava Barbara de Rossi, è Francesco Branchetti che, con grande energia, si cala ora in Fritz, sedicente postino di Hitler negli ultimi momenti della Seconda Guerra Mondiale; ora in Herr Streicher tedesco sepolto nei rifugi mentre il mondo combatteva il nazismo; ora in Mohamed, che durante la guerra di Algeria, non aveva potuto salvare la vita dei suoi figli. 

E inoltre tante voci-simbolo, di donne e di uomini, tessere di un mosaico dal quale emerge il volto tragico del nostro mondo e l’aspirazione a una liberazione, purtroppo, al momento lontana. Spettacolo impegnativo, viaggio nelle vene di un pianeta malato che, forse, potrebbe rivelarsi ancora più coinvolgente se la sceneggiatura, complessa e nutrita, fosse resa più snella, essenzializzata.

Associazione Culturale Foxtrot Golf presenta:

Coro di donna e uomo, di Gianni Guardigli. Con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti. Regia di F. Branchetti. Musiche originali di Pino Cangialosi.

I Solisti del teatro - Giardini della Filarmonica Romana - Via Flaminia, 118 – Roma

Ufficio stampa Monica Brizzi

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077