Giovedì, 01 Febbraio 2018 12:26

“Lacci”: i legami familiari conquistano il Teatro Eliseo

Scritto da

Spettacolare e struggente è la messa in scena di “Lacci” di Domenico Starnone, romanziere e commediografo acclamato in scena al teatro Eliseo con Silvio Orlando nel ruolo del protagonista.

Un Orlando in gran forma che tra nostalgia e rimpianto scandaglia il suo animo e rievoca un tempo passato, quando era felice con un’altra donna fuori dal matrimonio. 

Un appartamento a soqquadro, forse sono stati i ladri. Nessun furto di valori ma tutto in disordine: vasi rotti, mobili sbeccati e la sparizione delle fotografie dell’altra. Per una beffa del destino una lettera ricade nelle mani di Aldo: « Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie ». E si apre nell’animo del marito un flusso di coscienza che lo riporta a tre decenni fa, agli spensierati quattro anni romani in cui si è consumata la sua relazione con Lidia, a Roma tra l’università e gli studi televisivi. Un’antologia del dolore che riemerge tra quelle vecchie righe, che riaprono la ferita di un amore mai sopito e un dolore mai guarito, invece, nell’animo di sua moglie. Una cesura netta tra un prima e dopo in quel matrimonio, con ferite mal rimarginate e  ricadute anche nella vita dei figli ormai grandi, inconsapevolmente infelici.

Una messa in scena densa di sentimenti autentici, contrastanti, intensi come la vita che a cicli allontana e riunisce tenendo uniti i fili del destino con “lacci invisibili” – i legami – come quelli familiari, tra fratelli, tra coniugi. Il merito di quest’architettura scenica compiuta, dalla confessione alla catarsi è del regista Armando Pugliese: « Ho pensato dunque a questo lavoro come all'esecuzione di una sinfonia e il contenuto del romanzo mi ha suggerito l'idea di una sinfonia del dolore, perché questa storia ci parla di un carico di sofferenza che da una generazione si proietta su quella successiva con il suo bagaglio di errori, infingimenti, viltà, abbandoni, dolore appunto. Proprio perché ci muoviamo in ambito borghese, non si tratta di una tragedia generazionale, ma di un dramma generazionale ».

Specifica Silvio Orlando: “In Aldo c’è una parte della biografia di ciascuno di noi, dei nostri vicini, dei nostri amici, anche di me. Tutti hanno vissuto una crisi matrimoniale, chi più chi meno. Qui però ne viene mostrato il lato paradossale ed estremo: la verità è che serve molto impegno per far funzionare le cose”. 

Ed è appunto l’impegno a sconfiggere il fallimento, il sentimento a vincere sull’egoismo, a trasformare un dramma personale in un monito per le generazioni future: un esempio per i figli e non un fardello da trascinare. 

Un imperdibile capolavoro di dialettica umana espresso al meglio da un cast eccellente capitanato da un inimitabile Silvio Orlando: all’Eliseo sino al 4 febbraio.

Lacci

di Domenico Starnone

regia di Armando Pugliese

Silvio Orlando

Pier Giorgio Bellocchio 

Roberto Nobile Nadar

Maria Laura Rondanini 

Vanessa Scalera 

Matteo Lucchini 

Scene Roberto Crea

Musiche Stefano Mainetti 

Costumi Silvia Polidori

Luci Gaetano La Mela

Una produzione Cardellino srl

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]