Domenica, 04 Febbraio 2018 16:25

Teatro Manzoni. “Una moglie da rubare”. Recensione

Scritto da

ROMA – Firma la commedia Jaja Friastri, per oltre trent’anni al fianco di Garinei e Giovannini, autrice di sceneggiature per registi come Dino Risi e di canzoni per artisti quali Caterina Caselli. “Una moglie da rubare” racconta di certo Giovanni Angelucci (Stefano Masciarelli), un uomo d’affari che ha fatto fallimento e che è distrutto perché non sa come pagare il riscatto per la moglie che gli hanno rapito.

Per risolvere il problema Giovanni ha un’idea bislacca: rapire a sua volta Anna (Patrizia Pellegrino), la bella moglie del suo ricchissimo concorrente e, con i soldi che riceverà dalla restituzione, saldare il sequestro della propria. Anna sulle prime è terrorizzata ma, man mano conosce il suo rapitore, si rende conto di essere finita nelle mani di un uomo disperato e neanche cattivo. Non bastasse, suo marito non vuole pagare perché lei torni a casa e,  a questo punto,  il ruolo di vittima e carnefice si stravolgono …  con quale esito?

La piéce risente di una certa staticità, dovuta anche alla scenografia che non cambia mai. Pur se tutti gli attori svolgono con professionalità il loro ruolo, i momenti d’ilarità non sono proprio frequenti. Giovanni Tani, nella parte di Priamo il custode, è bravissimo.  Applauditi Stefano Masciarelli e Patrizia Pellegrino, entrambi tra i volti più noti del mondo del cinema, del teatro e della TV.  Masciarelli, in particolare, appare ringiovanito e in gran forma, con un fisico rimodellato dalla dieta e valorizzato dalla nuova postura slanciata. Di Patrizia Pellegrino non si può non affermare come conservi una linea e una freschezza che può far invidia alle ragazzine.

In scena al teatro Manzoni (via Monte Zebio 14/c tel. 06.3223634 www.teatromanzoni.info) dal 1 al 25 febbraio 2018. Orario spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21, sabato ore 17-21, domenica ore 17.30, lunedì riposo. Martedì 20 febbraio ore 19,  giovedì 22 febbraio  ore 17-21. Biglietti: intero euro 25, ridotto euro 22.

TEATRO MANZONI

Via Monte Zebio 14/c- 00195 Roma tel. 06.3223634 www.teatromanzoni.info

PT PRODUZIONI 

presenta

Fino al 25 febbraio 2018

   Patrizia                              Stefano

 Pellegrino                       Masciarelli      

con la partecipazione di Luigi Tani

in

 Una moglie da rubare

di Jaja Fiastri

regia 

Diego Ruiz

musiche Stefano Magnanensi scene Salvo Manciagli costumi Marian Osman

make up Giada Laganà gli abiti di Patrizia Pellegrino sono di Marco Strano

 foto Alessandro Canestrelli 

 Cani

               

.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Poesia

Canto alla Luna

Raggi di luna ditemi voi perché questo cuore  ha ferite profonde e spasima e piange quell’amore lontano dagli occhi neri e il viso splendente.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Miserere (l'umanità degli ultimi)

Ho visto un uomo rovistare tra i cassonetti Le mani colorate di miseria 

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cambiamenti climatici: le soluzioni di Paul Hawken, padre del capitalismo natura…

La coperta delle risorse naturali è corta e il benessere dell’umanità è minacciato dal riscaldamento del clima; per fortuna abbiamo già a portata di mano tutti gli strumenti necessari per...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077