Martedì, 13 Febbraio 2018 20:20

Helen Mirren presenta a Roma “La vedova Winchester”

Scritto da

ROMA – Helen Mirren in abitino scuro a grandi rose, vita stretta e gonna sciolta, capelli platino chiarissimo, è una signora di gran classe. Più giovane e solare di Sarah Winchester cui presta il corpo, dice di non credere ai fantasmi ma nel potere dell’immaginazione.

Definisce la pellicola di cui è protagonista una ghost-story e non un horror. Quando aggiunge che tutti i paesi che vendono armi sono colpevoli, e che sarebbe contenta se tale film di puro intrattenimento riuscisse involontariamente a smuovere qualche riflessione, i giornalisti presenti alla conferenza stampa le battono mani.

Helen Mirren è a Roma per presentare “La vedova Winchester”, una pellicola con ingredienti commerciali atti ad attrarre il pubblico che ama il brivido. Il film si basa su un personaggio realmente esistito: la statunitense Sarah Pardee Winchester, vissuta tra il 1839 e il 1922, moglie di Oliver Winchester, proprietario della nota ditta di armi. Morto il marito e la loro unica figlia, Sarah si ritrovò a ereditare circa il 50% della Winchester Reepeating Arms Company, con una rendita giornaliera pari a 25.000 dollari odierni. Convinta che la propria famiglia fosse maledetta, la donna si rivolse a degli spiritisti: si suppone che un medium le confermasse che la famiglia Winchester fosse perseguitata da coloro che erano stati uccisi dalla carabina Winchester e che, se non voleva lei stessa morire, doveva trasferirsi e costruire una casa che potesse contenerne i fantasmi. Nel 1884 Sarah Winchester andò ad abitare in California e acquistò una costruzione che inizialmente ebbe otto stanze, ma instancabilmente ne fece edificare altre, per trentotto anni di seguito, giorno e notte, fino alla sua scomparsa.

Demoni, entità misteriose, apparizioni, per le 500 stanze della vera casa Winchester - che oggi si trova a San José ed è un’attrazione per turisti - animano La Vedova Winchester, diretto dai fratelli Spierig con l’affascinante e bravissima Helen Mirren. Inutile dire che l’argomento (che conquistò a suo tempo Stephen King) e la spettacolare ambientazione seducono. La prima parte in cui uno psichiatra è chiamato a stilare una perizia sullo stato mentale della donna, riesce a tenere alta la suspense e fa desiderare la soluzione dell’enigma. Ma fino a quando gli appigli con la realtà hanno una plausibilità, appena la storia vira verso trovate puramente fantastiche non sono credibili e generano una caduta dell’attenzione, almeno in un pubblico adulto.

  • DATA USCITA: 22 febbraio 2018
  • GENERE: Thriller, Horror, Biografico
  • ANNO: 2018
  • REGIA: Michael Spierig, Peter Spierig
  • ATTORI: Helen Mirren, Jason Clarke, Sarah Snook, Angus Sampson, Laura Brent, Tyler Coppin
  • PAESE: USA, Australia
  • DISTRIBUZIONE: Eagle Pictures

La vedova Winchester - Trailer

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077