Domenica, 25 Febbraio 2018 17:40

Teatro Brancaccio. “Hairspray The Broadway Musical”: gradevole, fa riflettere sull’ integrazione

Scritto da

E’ in scena al Teatro Brancaccio Hairspray The Broadway Musical, campione di incassi negli USA, con più di 2500 repliche a New York. La versione italiana vede Giampiero Ingrassia, nel ruolo en travesti di Edna, (la madre della giovane coprotagonista Tracy). Lo stesso che fu interpretato da John Travolta nella versione cinematografica del 2007.  La regia è stata affidata a Claudio Insegno.

Il musical, scritto da Thomas Meehan e Mark O’Donnell,  è ambientato nella Baltimora degli anni Sessanta e il contesto politico e sociale in cui la storia si sviluppa ci riporta al conflitto tra conservatori e progressisti, in lotta per l’integrazione delle persone di colore. All’epoca, ad esempio, nei programmi televisivi bianchi e neri non potevano ballare insieme. Certamente il tema è attuale, visto che di integrazione si parla moltissimo anche da noi, ma di sicuro è diverso il contesto geografico e politico, oltre che storico. Ciò non toglie che questo musical intende dare un messaggio in positivo, fornendo a tutti ampi spunti di riflessione. 

Tracy, una tipica adolescente americana sogna ad occhi aperti; e sogna di diventare un personaggio televisivo. Purtroppo, non dispone di quella che si chiama, eufemisticamente, la giusta fisicità: la ragazza, infatti, è un po’ forte di taglia, cosi come la madre Edna Turnblad. I ripetuti tentativi di partecipare a un popolarissimo show, il Corny Collins Show, trovano ostacoli di ogni genere e la povera fanciulla sta quasi per rinunciare, quando all’improvviso succede il miracolo: viene notata durante un provino proprio da Corny Collins, che ne intuisce il talento e le potenzialità, nonostante la netta contrarietà espressa da Velma, la produttrice del programma, e gelosie di varia natura. Come è facile immaginare, tra manifestazioni di protesta e cariche della polizia, Tracy diventerà superpopolare a livello televisivo, costantemente assistita dalla madre Edna, divenuta non a caso sua personalissima manager. 

In effetti, dal testo ci si poteva aspettare di più: appare prevedibile e poco incisivo. Le musiche sono piacevoli e ci riportano al clima melodico degli indimenticabili Anni Sessanta, ben sottolineati dai costumi dell’epoca. In compenso il cast è di altissimo livello, a cominciare da Giampiero Ingrassia, straordinariamente a suo agio nel ruolo femminile di una Edna formato XXL, che nonostante la taglia superforte è sempre pronta a mettere qualcosa sotto i denti.  Ingrassia ci regala un personaggio tenero e dolcemente comico, grazie anche ai trucchi ed espedienti usati per farlo sembrare più grasso. 

Accanto a lui spicca la rivelazione Mary La Targia, che nel ruolo di Tracy convince sia per le capacità recitative, che per le doti vocali e tersicoree. Altra attrice ricca di grinta e presenza scenica è certamente Floriana Monici, perfetta nel ruolo della “cattiva” ed arrogante produttrice Velma von Tussle. 

Ricordiamo ancora Gianluca Sticotti (nel ruolo di Corny Collins), Beatrice Baldaccini (Amber von Tussle, figlia di Velma), Riccardo Sinisi (Link, con cui nascerà una storia d’amore), Claudia Campolongo, Giulia Sol, Roberto Colombo (il padre Wilbur Turnblad), Luca Spadaro, Cristina Benedetti, Francesca Piersante, Stephanie Dansou, ed Helen Tesfazghi con la sua splendida voce (nella parte di Motormouth Maybelle). 

Molto scorrevole e gradevole la regia curata da Claudio Insegno, che ha ben saputo far girare tutto il complesso meccanismo del musical, amalgamando in misura dosata le varie componenti artistiche e ben caratterizzando i singoli personaggi. Le musiche sono di Mark Shaiman. Riadattamento scene (dall’originale) di Roberto e Andrea Comotti, costumi di Alessia  Donnini. Le coreografie, vivaci e curate, sono di Valeriano Longoni.

L’edizione italiana di Hairspray è stasta realizzata da Lorenzo Vitali e il Teatro Nuovo di Milano. 

Teatro Brancaccio

Via Merulana 244, Roma

INFO :  tel. 06.80687231

www.teatrobrancaccio.it

 

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]