Domenica, 11 Marzo 2018 23:02

Teatro Manzoni. “Mamma … ieri mi sposo”. Divertentissimo. Recensione

Scritto da

ROMA - Divertente piéce ambientata negli anni '70, ispirata alla tradizione del teatro comico inglese, dove equivoci, menzogne, cambi di persona, provocano situazioni paradossali, che generano ilarità nello spettatore.

La storia sarebbe drammatica, se non fosse filtrata dal sense of humour e non avesse interpreti eccezionali. Una per tutti la bravissima Sandra Milo che conferisce un tocco di leggerezza a quello che leggero, nella realtà, non sarebbe. Stiamo parlando di una madre cannibale, che la Milo è chiamata a interpretare, trasformando il personaggio in una suocera “singolare” con indubbio talento.

Un imprenditore di mezza età, (il bravissimo Gino Rivieccio), figlio di mamma sprovveduto e nevrotico, ha tenuto nascosto alla genitrice (la grande Sandra Milo) gelosa e possessiva, il suo matrimonio. Per il quieto vivere l’uomo ha celato anche a sua moglie (la spumeggiante Marina Suma) l'esistenza di una suocera così competitiva e psicologicamente difficile. L’imprenditore per mantenere l'equilibrio familiare negli anni ha inventato ricorrenti viaggi di lavoro, anche se nei fatti si rifugiava in un villino di campagna per incontrare la sua adorata mammina!  Ma una sera accade che il nostro eroe, si trovi nel villino la segretaria, (la brava Fanny Cadeo) che, inseguita da un marito furioso, aveva progettato in quel luogo un incontro galante. E poi improvvisamente arrivano anche la madre, il suo socio in affari e la moglie …. Vale a dire, inventando frottole su frottole, è vero che le bugie hanno le gambe corte?

Il fascino di questa piéce è tutta nelle gag e nella capacità degli attori di far risaltare le nostre follie. Ridere dei nostri limiti è salutare e bisogna riconoscere che la piéce ha una grande capacità catartica e un cast d’eccezione. Da vedere, anche per non perdere la deliziosa Sandra Milo che Ferzan Ozpetek ha omaggiato con la presenza a teatro.

In scena fino al 25 marzo. (Via Monte Zebio 14 - 00195 Roma Tel. 06/3223634 www.teatromanzoni.info) 

Orario spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21, sabato ore 17-21. Domenica ore 17.30, lunedì riposo.  Martedì 20 marzo ore 19 - giovedì 22 marzo ore 17-21.

Teatro Manzoni

via Monte Zebio 14- 00195 Roma tel. 06 3223634 www.teatromanzoni.info

Luscar produzioni srl

presenta

dal 1° al 25 marzo 2018 

Sandra Milo      Gino Rivieccio

Fanny Cadeo        Marina Suma

e con Ettore Massa 

in 

Mamma …..ieri mi sposo

(Twixt) di Clive Exton

 adattamento di Carlo Alighiero e Gustavo Verde 

scene Sissy Granata costumi Sandra Banco

luci Alessio Sepe

Regia 

Patrick Rossi Gastaldi

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il coraggio di amare

Complessa, caparbia persa nei diversi  stati della mente...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Assolo

Amo quelli che non rinunciano ai propri sogni. Quelli che si rialzano sempre, anche quando si sentono a terra.

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077