Sabato, 07 Aprile 2018 10:51

Teatro Quirino.”Il piacere dell’onestà”, Pirandello secondo Liliana Cavani. Recensione

Scritto da

ROMA – E’ in scena al teatro Quirino “Il piacere dell’onestà” di Luigi Pirandello diretto da Liliana Cavani. Una tragicommedia che, come molte opere del grande scrittore, indaga ciò che vive tra le pieghe dell’animo umano e che costituisce a volte, a nostra e ad altrui insaputa, un aspetto importante della personalità, che a sguardi superficiali non appare.

Racconta di Agata, che è stata messa incinta dal marchese Fabio Colli, il quale non può sposarla perché è ammogliato. Per salvare l’onorabilità viene individuato allora un uomo di poco conto, un fallito, che dietro compenso faccia la parte del marito e del padre: un certo Angelo Baldovino che, si scommette, sarà perfetto per quel ruolo di facciata inconsistente e immorale. Tuttavia le cose non andranno come si è supposto perché Angelo Baldovino, insignito marito e padre, si sente investito di una grande responsabilità, si scopre elevato e vuole elevarsi al di sopra della meschina macchinazione, prende sul serio il fatto di essere di aiuto alla madre e al nascituro e diventa determinante, non solo per il futuro dei due, persino per quello del marchese Fabio Colli …

La piéce in scena al teatro Quirino vede un applauditissimo Geppy Gleijeses, nei panni di Baldovino, dare spessore e fascino a un personaggio che attrae l’attenzione dello spettatore per la saggezza di ciò che dice e la stravaganza della pur ineccepibile, condotta. Tutto il cast è all’altezza di figure non facili da interpretare per l’anticonformismo che rovescia i comportamenti cui siamo abituati e che, grazie alla bravura degli attori, appaiono naturali.

Liliana Cavani, regista godibile e lirica, rivela gli ingredienti che rendono questa riduzione de “Il piacere dell’onestà” affascinante: “Quando ho letto questo dramma ho pensato ai film di Bergman e a quelli di Dreyer che vedevo da ragazzina coi piccoli inferni famigliari, quelli dentro la coppia … in quei film c’era sempre in sottofondo la lotta del Male contro il Bene che sembra perdere, invece poi talvolta … “.

Teatro Quirino di Roma

Fino al 22 aprile

Gitiesse Artisti Riuniti

Fondazione Teatro della Toscana
GEPPY GLEIJESES   

con VANESSA GRAVINA

IL PIACERE DELL’ONESTÀ

di Luigi Pirandello
con Leandro Amato   Maximilian Nisi   Tatiana Winteler
Giancarlo Condè
Brunella De Feudis

scene Leila Fteita

costumi Lina Nerli Taviani
musiche Teho Teardo

luci Gigi Ascione

assistente alla regia Marina Bianchi
regia LILIANA CAVANI

personaggi e interpreti
Angelo Baldovino
Geppy Gleijeses
Agata Vanssa Gravina
Maddalena, sua madre
Tatiana Winteler
Il Marchese Fabio Colli Leandro Amato
Maurizio Setti, suo cugino Maximilian Nisi
Il Parroco Giancarlo Condè
Una cameriera Brunella De Feudis

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]