Giovedì, 03 Maggio 2018 09:14

Teatro Stanze Segrete. “Io, Gabrielle”: un’inedita Coco Chanel di Valeria Moretti

Scritto da

ROMA – Chi non conosce Coco Chanel? Il personaggio che ha affascinato poeti e registi, ma “Io, Gabrielle” di Valeria Moretti   presenta un’inedita Coco nella quale c’è ancora molto da scoprire. Va in scena dal 2 al 6 maggio al Teatro Stanze Segrete - Via della Penitenza 3, Roma, Trastevere – da mercoledì a sabato ore 21, domenica ore 19.

E’ un atto unico  interpretato da Sara Platania per la regia di Gianni De Feo.  Il regista Gianni De Feo spiega così gli elementi scenici che evocano le atmosfere  innate  e originarie dell’ affacciarsi alla vita di questa donna singolare: “la bambola di pezza, la sedia a dondolo, la bacinella d’acqua e il telo. Il telo bianco, simbolo di purezza, cordone ombelicale che ci lega al passato, che avvolge e  protegge”. 

Questa volta vedremo  una protagonista scalza, in sottoveste bianca, che sta giocando con i suoi manichini, le perle false, in fondo con il suo essere donna. Ma per un attimo, un attimo solamente, sarà anche la Coco Chanel che il pubblico conosce: l’eroina forte e autoritaria,  la zingara indipendente, la bambina ribelle. Lo spettacolo di Valeria Moretti scava nel profondo, dietro ciò che appare e di cui il mondo sa, per renderci un’identità più vera e più  umana, sospesa tra suggestioni oniriche e momenti di durezza, senza trascurare la commozione.  Mentre da lontano riecheggia, avvolta dai ricordi d’infanzia, la voce dell’amico Jean Cocteau. Valeria Moretti ci parla dei dolori di Coco che, come sappiamo, era orfana: ci emozioneranno le sofferenze dell’orfanotrofio, i primi punti di cucito sui teli bianchi delle monache e la creatività che l’ha salvata e l’ha condotta in alto. “Sono io il solo cratere d’Alvernia che non sia spento” afferma con spavalderia, rimandando la propria immagine da uno specchio Coco Chanel.  Ma è proprio così?

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077