Martedì, 10 Luglio 2018 09:31

“Hereditary – Le radici del male”, andante con orrore. Recensione

Scritto da

“Hereditary” è il primo lungometraggio del regista, sceneggiatore e scrittore Ari Aster, che al suo attivo ha una serie di documentari e un romanzo, Sammy Barthowe At Your Service!,arrivato finalista allo Starcherone Prize for Innovative Fiction. Confezionato con esperienza tecnica, l’opera non stupisce e la trama ricorda tipici ingredienti del filone.

Racconta che dopo la morte della nonna Ellen, donna solitaria e misteriosa, la famiglia Graham è vittima di una serie di eventi tragici e misteriosi. L'ombra della defunta continua ad aleggiare sui discendenti, in particolare sulla nipote adolescente. Presto i Graham dovranno fare i conti con segreti terrificanti sulle loro origini . A metà tra coincidenza casuale e maleficio i protagonisti soccombono all’arcano. Musiche sinistre, luci basse rendono la suspense. La vicenda passa pian piano dal dramma familiare al soprannaturale, dove entrano in scena fenomeni medianici. La nipotina muore in maniera macabra, il fratello è preda di misteriosi raptus, mamma Graham ritrova cadaveri in soffitta. La pacifica esistenza della famiglia è sconvolta e la madre si addentra in un regno spettrale per sfuggire al fato che su di loro fa pendere una mortale spada di Damocle.

Un film di Ari Aster con Toni Collette, Alex Wolff, Gabriel Byrne, Ann Dowd, Marilyn Miller, Mallory Bechtel, Rachelle Hardy, Milly Shapiro, Shane Morrisun. 

Genere Horror durata 126 minuti. Produzione USA 2018. Uscita nelle sale: mercoledì 25 luglio 2018

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il coraggio di amare

Complessa, caparbia persa nei diversi  stati della mente...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Assolo

Amo quelli che non rinunciano ai propri sogni. Quelli che si rialzano sempre, anche quando si sentono a terra.

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077