Martedì, 13 Novembre 2018 11:23

Teatro Quirino: applausi per “Il fu Mattia Pascal”, un precario della vita

Scritto da

È un equilibrista Mattia Pascal. In bilico tra la vita e la morte, il bene e il male, l’egoismo e l’altruismo. Un senso di precarietà esistenziale che si sublima nella poetica pirandelliana, già emblema dell’incertezza del Secolo Breve.

Un’assenza di affermazione e sicurezze esacerbata all’oggi, rendendo attuale più che mai la novella de “Il fu Mattia Pascal”, adattata per le scene, dal commediografo e interprete Daniele Pecci. Sino al 18 novembre al teatro Quirino, e a pochi giorni dal debutto già vanta il consenso del pubblico, per la regia di Guglielmo Ferro, con i beniamini del piccolo schermo: Daniele Pecci e Rosario Coppolino nei ruoli principali.

Mattia Pascal: uno “scioperato” per molti, un fantasma per altri, dato per morto dai familiari per errore, o forse, più realisticamente per la volontà di sbarazzarsi della sua indolenza. Uno sfortunato evento dalla valenza ambivalente: da un lato, la sensazione di non appartenere “né ai vivi né ai morti”; dall’altra la possibilità di rivivere secondo i propri valori, libero dai condizionamenti sociali: “senza più maschere”. Ed è proprio da un’angusta biblioteca, intento a classificare vecchi volumi, che il redivivo Mattia Pascal ossessionato dai ricordi, dai sensi di colpa e dall’incompiutezza della sua vita, vissuta senza scopo, ricerca nella scrittura una rinascita, un risarcimento morale e spirituale.

Malinconica e intensa è la performance di Daniele Pecci, cui fa da contraltare il suo alter-ego Rosario Coppolino, che con ironia e brio interpreta Don Eligio, un mentore che maieuticamente sprona Mattia Pascal a fare i conti col passato, con i suoi spettri e con le maschere che lo funestano. Non manca di verve la pièce, che attraverso il flusso di coscienza dei ricordi del protagonista , sa stupire, commuovere e riflettere.

Una commedia di due ore che allieta disincantando, alla ricerca di una verità, talvolta assente, ma protagonista delle illusioni e aspirazioni di ciascuno di noi. Ognuno a modo suo: per una sera come “Il fu Mattia Pascal”.

Dal 6.18 novembre

“Il fu Mattia Pascal”

di Luigi Pirandello

Adattamento di Daniele Pecci

Regia di Guglielmo Ferro

Arca Azzurra Teatro La Contrada Teatro Stabile di Trieste   ABC Produzioni

Con Daniele Pecci Rosario Coppolino e Maria Rosaria Carli e Giovanni Maria Briganti Adriano Giraldi  Diana Höbel

Marzia Postogna  Vincenzo Volo

scene Salvo Manciagli

costumi Françoise Raybaud

musiche Massimiliano Pace

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]