Mercoledì, 05 Dicembre 2018 12:26

Teatro Quirino: Milena Vukotic e Lucia Poli da standing ovation in “Sorelle Materassi”

Scritto da

Per il secondo anno di fila, ancora consensi di pubblico e critica per le “Sorelle Materassi” al Teatro Quirino in Roma.

Una performance da standing ovation per le tre attrici protagoniste: Milena Vukotic - nota ai più come la moglie di “Fantozzi” -  Lucia Poli – la sorella del compianto attore Paolo e la più giovane Marilù Prati, sorella del regista Geppy Gleijeses. Incantato il pubblico dalla performance delle attrici di fama ed esperienza e talento inossidabile, per la regia del direttore del teatro Quirino, che in unico atto di un’ora e quaranta condensa l’opera di Aldo Palazzeschi, secondo l’adattamento di Ugo Chiti.

Lucia Poli interpreta egregiamente, con ironia e grinta la sorella maggiore Teresa, che vorrebbe tenere a bada lo scapestrato nipote Remo, cresciuto insieme a lei e alla sua timida sorella Carolina – una grandiosa Milena Vukotic -  viziato e pretenzioso, obbligando le due “signorine” a lavorare giorno e notte come sarte per biancheria di lusso, per soddisfare ogni suo capriccio: dagli abiti costosi alla macchina nuova. Al contrario, Giselda – l’ineccepibile Marilù Prati – la minore, tornata in famiglia dopo il divorzio dal marito, è insensibile dal fascino del giovanotto e non si fa corrompere dalle sue moine e trascorre le giornate lamentandosene con le maggiori, che però non intendono ragioni. E sarà così che a forza di assecondarlo, il ragazzo – interpretato da un convincente Gabriele Anagni – ridurrà le signorine alla bancarotta, costrette a firmare cambiali e a infangare il buon nome della famiglia. Pur continuando ad amarlo e sostenerlo, anche quando rimaste sole e indebitate si ridurranno a lavorare per operai, fornai e ortolani, una volta alle loro dipendenze. 

Degne di nota le scene, allestite da Roberto Crea che riproducono nei dettagli le grandi case nobiliari dei primi del Novecento e i costumi azzeccati, ideati e realizzati da Ilaria Salgarella, Clara Gonzalez e Liz Cchahua sotto la supervisione dello stilista Andrea Viotti. Un cast d’eccezione, dotato di grandi talenti e una naturale verve comica, che allieta e coinvolge in pubblico, tra risate e melodramma.

Impareggiabile la coppia formata da Lucia Poli e Milena Vukotic: le migliori per presenza scenica, ironia e classe. Tra le new entry: Sandra Garuglieri, nota nella scena off fiorentina, che interpreta magistralmente Niobe, la governante toscana doc, che convince, raccogliendo i favori del pubblico sedotto dai suoi modi buffi e dal suo pathos.

Applausi a non finire al calar del sipario, tutti in piedi dalla platea alle gallerie: una bella soddisfazione per le maestre Lucia Poli e Milena Vukotic, che ancora oggi incantano con il loro charme più di una qualsiasi pin up.

Una pièce imperdibile e clamorosa, evergreen come le sue protagoniste.

Al Teatro Quirino dal 4 al 9 dicembre

Sorelle Materassi

di Aldo Palazzeschi 

adattamento Ugo Chiti

regia di Geppy Gleijeses

con Lucia Poli e Milena Vukotic, Marilù Prati

Sandra Garuglieri, Gabriele Anagni, Gian Luca Mandarini,

Roberta Lucca

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

La nuova alba

Interrogarsi… svegliarsi in questo permutare di eventi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]