Giovedì, 13 Dicembre 2018 12:58

Teatro Eliseo. Bellissima riduzione della “Salomé” di Oscar Wilde. Recensione

Scritto da

Scrive Luca De Fusco, regista della “Salomé” di Oscar Wilde in scena in questi giorni al teatro Eliseo: “Poche volte si verifica il caso di un titolo tanto noto quanto poco rappresentato

ROMA – Salomé è un grande archetipo, un simbolo eterno di amore e morte ma la sua versione lirica è comunemente rappresentata mentre il capolavoro di Wilde sembra destinato più alla lettura che alla rappresentazione”. E ciò, in fondo, è una ragione in più per andare a vedere questo spettacolo applauditissimo. La Salomé in scena all’Eliseo ha un cast affiatato come gli elementi di una coreografia di alta professionalità – dato il ruolo spiccano Eros Pagni nei panni di Erode, Gaia Aprea in quelli di Salomé, Anita Bartolucci in Erodiade, Giacinto Palmarini in quello del profeta Iokanaan – e si svolge per un’ora e mezza di tragica eppur godibilissima raffinatezza. 

Senza rivelarne la conclusione, accenno alla vicenda per rendere più familiari i personaggi a chi, come consiglio, volesse vedere lo spettacolo. Salomé è un atto unico di Wilde, ispirato alla figura di Salomé, figlia di Erodiade, della quale si parla tacendone il nome anche nei Vangeli di Marco e Matteo. Il tetrarca Erode aveva strappato al fratello la moglie Erodiade e l’aveva sposata. Col passare del tempo Erode aveva preso a concupire e importunare la bellissima figlia della consorte: Salomé, della quale erano in molti a innamorarsi. Nel palazzo esisteva un salone con una botola dove il tetrarca aveva fatto imprigionare il profeta Iokanaan (Giovanni Battista nella tradizione cristiana), spaventato dalle sue profezie sull’avvento del Messia e sulla condanna dei governatori della Giudea. Infastidita dalle lusinghe del patrigno e incuriosita dal prigioniero, Salomé chiede alle guardie di vedere il profeta e una volta conosciutolo se ne innamora. È tuttavia respinta. Da qui Salomé trasforma il suo amore in odio …

La scenografia, essenziale, soffusa dei colori argentei della luna e delle ombre della notte, fa da cornice poetica a una rappresentazione visivamente riuscita: perfetta la fisicità di Gaia Aprea ovvero Salomé, del profeta Iokanaan o Giovanni ovverossia Giacinto Palmarini, che recitano al ritmo di un segreto metronomo, dove ogni passo è una pausa che sottolinea la tragedia. Grandissimo Eros Pagni nei panni di Erode che, negli alterchi con la moglie – la brava Anita Bartolucci- riesce a imprimere, a scene molto drammatiche, accenti di tale ironia per cui si scoppia inaspettatamente a ridere. Tale complessità di emozioni è una nota di merito alla pièce, e bene la spiega Luca De Fusco: " In effetti i registri che Wilde usa oscillano tra il drammatico, l’ironico, l’erotico, il grottesco in una miscela che è effettivamente molto ambigua e di difficile rappresentazione proprio per i suoi meriti, ovvero per la sua originalità, che la fa solo in apparenza somigliare ad una tragedia greca mentre in realtà ci troviamo di fronte ad un’opera unica nel genere. È inoltre enigmatica ed inafferrabile la natura della protagonista e il suo desiderio di amore e morte che non trova logiche spiegazioni”. Ma una spiegazione, che si potrebbe anche definire psicoanalista, questa riduzione di Salomé la offre nel far emergere visivamente una deformità insita nel genere umano: il narcisismo sfrenato che nuoce anche a chi lo prova. Da non mancare.

Salomé in scena al teatro Eliseo di Roma

Regia Luca De Fusco

Personaggi e interpreti:

Eros Pagni Erode 

Gaia Aprea Salomè

Anita Bartolucci Erodiade

Alessandro Balletta secondo giudeo

Silvia Biancalana paggio di Erodiade

Paolo Cresta un sadduceo 

Gianluca Musiu giovane siriano / un nazareno

Alessandra Pacifico Griffini schiava di Salomè

Giacinto Palmarini Iokanaan

Carlo Sciaccaluga secondo soldato 

Francesco Scolaro un nubiano / un fariseo

Paolo Serra Tigellino / cappadociano

Enzo Turrin primo giudeo

TEATRO ELISEO

Da martedì 11 a domenica 23 dicembre 2018

Orario spettacoli

martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00

mercoledì e domenica ore 17.00

Sabato 15 dicembre doppio spettacolo ore 16.00 e ore 20.00 

Biglietteria tel. 06.83510216 

Giorni e orari: lun. 13 – 19, da martedì a sab 10.00 – 19.00, dom 10 - 16

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Biglietteria on-line   www.teatroeliseo.com e   www.vivaticket.it

Call center Vivaticket: 892234

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]