Mercoledì, 16 Gennaio 2019 12:24

Teatro India. “Aminta” di Torquato Tasso. 22 – 27 gennaio

Scritto da
PH BRUNELLA GIOLIVO_da sx Matilde Vigna Emanuele Turetta Giuliana VigognaI PH BRUNELLA GIOLIVO_da sx Matilde Vigna Emanuele Turetta Giuliana VigognaI

ROMA - Dal 22 al 27 gennaio al Teatro India Antonio Latella porta in scena il grande classico letterario dell’AMINTA, «favola boschereccia» scritta nel 1580 da un gigante della letteratura italiana, Torquato Tasso. 

A far vivere sul palcoscenico la drammaturgia curata da Linda Dalisi per la celebre opera pastorale i quattro straordinari interpreti Michelangelo Dalisi, Emanuele Turetta, Matilde Vigna eGiuliana Bianca Vigogna. Il regista di fama internazionale si misura per la prima volta con l’irrequieto autore cinquecentesco e con il caso letterario dell’Aminta, individuando in esso la compresenza di due forze: la spregiudicata ricerca di innovazione linguistica e la tensione verso un classicismo da reinterpretare. Immersi in una scena scura ed essenziale, i quattro attori danno voce ad una ricerca il cui fulcro è l’”Amore” e la forma eternamente differente che assume nel cuore degli esseri umani, mutata e rinnovata per ciascuno. L’AMINTA di Antonio Latella trattiene il profilo della favola boschereccia, innovandola con la scelta di un teatro “bucolico” dove ogni dettaglio assume un peso specifico e in cui “Venere” sintetizza nel suo meraviglioso corpo una somma di infiniti corpi che contengono la forza della violenza e della poesia. Al centro di tutto c’è l’amore, accentuato dalla musica e dai versi rigorosi che danno slancio alla creatività, proprio in un periodo di crisi come quello del Cinquecento, in cui la censura, le regole accademiche e le questioni teoriche tra letteratura e poesia ponevano un rigido muro alla libertà artistica. 

Dal 22 al 27 gennaio al Teatro India di Roma

in scena l’Aminta di Tasso, con la drammaturgia di Linda Dalisi e

diretta da Antonio Latella, che si confronta per la prima volta con la celebre favola boschereccia.

Un teatro bucolico dove ogni dettaglio assume un peso specifico e dove in ogni corpo si ripropongono

la forza della violenza e della poesia. Al centro di tutto, l’amore.

AMINTA 
di Torquato Tasso
drammaturgia Linda Dalisi
regia Antonio Latella
con Michelangelo Dalisi, Emanuele Turetta, Matilde Vigna, Giuliana Bianca Vigogna
scene Giuseppe Stellato - costumi Graziella Pepe - musiche e suono Franco Visioli
luci Simone De Angelis - movimenti Francesco Manetti

Produzione Stabilemobile
in collaborazione con AMAT e Comune di Macerata e Esanatoglia
nell’ambito di “MarcheinVita. Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma”
progetto di Mibact e Regione Marche coordinato da Consorzio Marche Spettacolo

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]