Martedì, 12 Febbraio 2019 17:44

"La commedia di Gaetanaccio" al Teatro Eliseo

Scritto da

Il capolavoro di Luigi Magni a quarant’anni dalla famosa versione di Gigi Proietti

La commedia di Gaetanaccio, capolavoro di Luigi Magni che torna in scena dopo quarant’anni esatti dal suo debutto, è ispirata a un personaggio realmente esistito a Roma, Gaetano Santangelo detto appunto Gaetanaccio, burattinaio ambulante che sulle spalle trasportava il suo castello di marionette per le vie, le piazze e all’interno dei palazzi della nobiltà romana, dove spesso era chiamato per rallegrare feste e banchetti.

Siamo nella Roma papalina, la soggiogazione del povero, l’indigenza, la paura sono sentimenti che vengono compensati dal carattere indolente, giocoso e spavaldo di un popolo che con gli abusi del potere ha sempre convissuto. E così l’irriverente e gradasso Gaetanaccio, innamorato di Nina, anch’essa attrice in cerca di fortuna, condivide con lei la sorte, ritrovandosi davanti al bivio del compromesso.

Come in tutte le sue opere, Magni dipinge una Roma che riesce a far convivere amore e cinismo, ironia e poesia. È principalmente una commedia musicale che anche grazie alla presenza dei musicisti in scena, evoca la dimensione onirica, favolistica del testo.

Le canzoni, seppur a volte accompagnate da musiche leggere e allegre, presentano uno sfondo amaro e sarcastico. Nei dodici brani che compongono l’opera sono narrate le vicende del protagonista e della comunità di teatranti che, a causa del divieto che proibisce ogni tipo di rappresentazione, patiscono la fame costretti a inventarsi la vita per sperare di sopravvivere. 

Sudditi fedeli, sete richiamati alla penitenza e al ravvedimento. Penitenza perché tutti, più o meno, avete sbajato a sottovalutà er pericolo. Ravvedimento perché, sia pure scausalmente, con atteggiamenti leggeri e permissivi, ne avete fatorito il dilagarsi. In conseguenza, è reso obbligatorio il precetto pasquale…

Sono proibite alle donne le vesti attillate perché invereconde, la vaccinazione delle crature perché diabolica e l’innesto delle piante, perché alterando il disegno armonico del creato, è contronatura. Ma, soprattutto, vengono soppresse tutte quelle presunte attività culturali le quali che, quando va bene, non servono a gnente.

Questo il prologo, un editto in cui si mostrano in tutta la loro sconvolgente attualità i temi affrontati. E la prima battuta di Gaetanaccio, in risposta alla lettura del messo, avviene legato e circondato da quattro gendarmi. Le bastonate che subisce per le sue parole dette a sproposito (o meglio a proposito) sono le stesse che popolano le storie dei suoi burattini,  dove spiccano le contraddizioni di una vita sospesa tra sentimenti e bisogni primari, tra cinismo e romanticismo, tra vita e morte, tra plebe e potenti.

A rendere ancor più spiccata la similitudine tra i personaggi e i burattini di Gaetanaccio, oltre alle avversità che popolano le loro storie, sono anche gli abiti che indossano, la cornice in cui si muovono, quasi a evocare una scena nella scena. Perfino la Morte, sempre presente nella tradizione romana, assume carattere antropomorfo e si fa persona vera per intervenire nel destino dei protagonisti. 

L’amore, rappresentato da Nina, è l’ideale amoroso puro e irraggiungibile che si mostra nella sua poetica fragilità capace di essere forte e concreta quando la vita lo richiede. Un desiderio di poesia e bellezza che rappresenta l’unico riscatto allo scetticismo e all’apatia si concretizzano nel miracolo finale; e quella che sembra essere una commedia ‘contro il papato’ trova il suo finale nella magia dell’amore, nella sconfitta della morte, nella gioia della vita.

Sogno e realtà le parole chiave capaci di raccontare questo nuovo allestimento, adatto anche ad un pubblico di giovanissimi, che vuole riportare La commedia di Gaetanaccio ai primi posti dei classici della tradizione popolare, dove merita di essere. 

La presenza di Giorgio Tirabassi e Carlotta Proietti nei ruoli dei protagonisti rappresenta una continuità con l’allestimento storico dello spettacolo, allora diretto e interpretato da Gigi Proietti, autore anche delle musiche insieme a Piero Pintucci, oggi riarrangiate da Massimo Fedeli. Un cast di giovani attori arricchisce questo spettacolo di dirompente energia che si avvale dei bellissimi e fantasiosi costumi realizzati da Santuzza Calì e dei suoi cinquanta burattini che popolano la scenografia di Fabiana di Marco, delle divertenti coreografie di Ilaria Amaldi, del disegno luci di Umile Vainieri e del suono di Manuel Terralavoro, tutti coadiuvati dalla regia poetica di Giancarlo Fares.

Personaggi e interpreti

Giorgio Tirabassi Gaetanaccio

Carlotta Proietti Nina

Carlo Ragone Fiorillo

Elisabetta De Vito Morte

Daniele Parisi Governatore / Prologo

Marco Blanchi Porporato

Enrico Ottaviano Meo Patacca / Papa

Pietro Rebora Carceriere / Gentiluomo / Guitto

Matteo Milani Scaramuccia / Graduato / Guardia Svizzera

Martin Loberto Gendarme / Guitto / Gentiluomo

Viviana Simone Guitto / Passante

Durata: 2 ore compreso intervallo

TEATRO ELISEO

Da martedì 19 febbraio a domenica 10 marzo 2019

Orario spettacoli

martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00

mercoledì e domenica ore 17.00

Sabato 23 febbraio doppio spettacolo ore 16.00 e ore 20.00

Biglietteria tel. 06.83510216 

Giorni e orari: lun. 13 – 19, da martedì a sab 10.00 – 19.00, dom 10 - 16

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Biglietteria on-line www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it

Call center Vivaticket: 892234

Prezzi da 15 € a 35 € 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]