Venerdì, 22 Marzo 2019 10:01

Teatro Quirino. “Il gabbiano” di Cechov con il fascino delle canzoni francesi

Scritto da

ROMA - Una rappresentazione innovativa e singolare, arricchita da grandi canzoni francesi cantate da Massimo Ranieri, distingue questo “Gabbiano” di Cechov, diretto da Giancarlo Sepe. 

Rivoluzionato nella prospettiva e nella cronologia, la piéce mantiene fedeltà interiore  ai personaggi e ne approfondisce il simbolismo: l’inseguimento dell’amore non ricambiato; l’arte che nutre le speranze dei protagonisti; lo svolgersi meta-teatrale della vita. Affascinanti gli intermezzi musicali di Massimo Ranieri – ad esempio la notissima “Je suis malade” di Serge Lama, “Hier encore di Charles Aznavour, “Et maintenant” di Gilbert Bécaud – repertorio anagraficamente vicino a noi, ma senza età e attinente all’ambiente, perché sappiamo come, dopo le riforme avviate da Pietro il Grande, il francese fu per lungo tempo una lingua vezzeggiata dai nobili e dagli intellettuali russi.

Gli attori compaiono in palcoscenico in una scenografia che rileva per iscritto il nome di ciascun personaggio e il regista Giancarlo Sepe si fa levatrice della loro anima universale. La storia cecoviana succintamente racconta di Irina Arkadina, celebre attrice, che convive con Boris Trigorin scrittore mediocre che ha successo. Kostja il figlio di Arkadina aspirante drammaturgo, non si sente amato dalla madre e disprezza il suo teatro routinier. Nel giardino di casa, Kostja mette in scena una sua piéce interpretata da Nina, ragazza di cui è innamorato. Sua madre critica lo spettacolo e il figlio allora lo interrompe.

Tutti i protagonisti ruotano attorno al tema sacro dell’arte, alcuni legati a vecchi schemi, altri vivono le proprie pulsioni per arrivare alla personale identità espressiva. Il gabbiano è dunque allegoria della libertà artistica, minacciata come il volatile dal cacciatore che usa  il fucile. In qualche modo lo spettacolo, che una scenografia sapiente e una musica molto bella esaltano, incarna l’insoddisfazione universale di chi sente che, nella propria esistenza, non riesce a ottenere mete rassicuranti.

Il gabbiano (à ma mère)

Fino al 31 marzo

Teatro Diana / Rama 2000
MASSIMO RANIERI
IL GABBIANO (à ma mère)
da Anton Čechov 
conCATERINA VERTOVA
adattamento e regia GIANCARLO SEPE

con PINO TUFILLARO   FEDERICA STEFANELLI
Martina Grilli   Francesco Jacopo Provenzano

musiche Harmonia Team
disegno luci Maurizio Fabretti
Scene e Costumi Uberto Bertacca

Lo spettacolo ha una durata di 2 ore compreso intervallo

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Amanti sospesi nel tempo

Sei entrato nella stanza  uno sconosciuto  come io sconosciuta per te. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Damar

(A Stefano. Il ricordo è un piccolo granello che riempie lo spazio dell'assenza)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’Italia e gli italiani nel cinema albanese

Il cinema albanese è stato il protagonista di questa primavera romana appena conclusa. Dopo aver conquistato la vittoria alla decima edizione del Francofilm – il Festival del cinema francofono organizzato...

Romano Milani - avatar Romano Milani

ITC Farma punta sui giovani: coltivare oggi i talenti di domani

La sinergia tra accademia e impresa è un passo necessario per la crescita del Paese

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]