Giovedì, 02 Maggio 2019 19:06

Teatro Quirino. “Otello”, il Balletto di Roma libera ciò che la pagina tace

Scritto da

ROMA - Otello è la tragedia della gelosia e delle passioni umane che divengono il luogo nel quale raccontare l'annientamento del corpo dell'amore. La fisicità che intride gli indimenticabili versi shakespeariani trova una nuova genesi dentro la riscrittura in danza.

È così che Fabrizio Monteverde disegna sul palcoscenico il suo Otello – in scena al Teatro Quirino fino al 5 maggio – e ne affida le coreografie all'elegante bellezza del Balletto di Roma.

Le musiche di Antonìn Dvořák esprimono ciò che resta al di là della parola, scavando fino al fondo della nostra capacità di riconoscerci nello specchio dell'arte e blandendo i ricordi sommersi. I corpi si muovono su di essa come le barche che scivolano silenziose tra i canali di Venezia, per poi esplodere – improvvisi – a riempire il vuoto di passione, furore, ubriachezza.

Ciò che riesce indubbiamente a Monteverde e alla Compagnia del Balletto di Roma è un piccolo sortilegio: in un'atmosfera quasi onirica – sulla banchina di un porto qualunque – la danza modula il suo canto e racconta l'afasia che soffoca sotto la spinta dell'inganno e della gelosia; libera – nel corpo – ciò che il corpo dei personaggi tace sulla pagina e nell'atto scenico.

Così scopriamo Otello (Vincenzo Carpino) e il suo segreto antagonista Iago (Paolo Barbonaglia) opposti eppure simili: uno possente e nitido nella sua eleganza; l'altro nervoso e subdolo, a tratti violento. Li vediamo infine coincidere – l'uno specchio dell'altro – nella stessa creatura di collera e irrazionalità, entrambi vittime di se stessi, in tutto simili a schiavi.

Mentre il racconto dell'amore e della passione tra Otello e la sua nobile e delicata Desdemona (Roberta De Simone) si trascrive nella partitura dei corpi che da due divengono uno, senza mai separarsi; ed ogni gesto loro ha il valore di lettera, come ci trovassimo di fronte a una poesia. I loro corpi uniti disegnano ombre inconfondibili sulla parete che ce li restituisce uno, insieme alla gioia del loro amore intatto. Quando il sospetto si insinua tra loro, quel corpo unico si divide fino a disintegrarsi, fino a tramutarsi in mano – artiglio – che stringe la gola e soffoca tutto, anche l'anima.

Così Desdemona si moltiplica, si riflette mille volte e su mille volti di donne strangolate dallo strisciante sospetto di un fazzoletto. Il corpo di lei giace senza vita con la facilità di un gesto spietato e improvviso che – in un attimo – la priva di tutto, anche dell'amore. Con lei – abbandonata e vinta tra le braccia di Otello – si srotola un tappeto di sangue a invadere la scena e la luce dolce che aveva blandito i corpi e le loro passioni esplode rossa e definitiva, senza speranza di redenzione.

Desdemona muore e – con lei – mille altre: sulla scena i loro corpi esanimi divengono fantocci tra le braccia dei loro aguzzini che sbattono, trascinano, stringono ciò che la loro furia ha distrutto per sempre. Niente di più antiquato dell'eterna diade amore e morte. Niente di più attuale.  A noi resta il silenzio dei versi e la voce che la danza ha risvegliato.

Teatro Quirino di Roma

Fino al 5 maggio

Luciano Carratoni
presenta

BALLETTO DI ROMA

Direzione Artistica Francesca Magnini

OTELLO
coreografie e scene FABRIZIO MONTEVERDE

musiche Antonín Dvořák
assistente alle coreografie Anna Manes
costumi Santi Rinciari

light designer Emanuele De Maria

personaggi e interpreti

Otello Vincenzo Carpino

Desdemona Roberta De Simone

Cassio Riccardo Ciarpella

Iago Paolo Barbonaglia

Emilia Azzurra Schena

la compagnia 

Paolo Barbonaglia   Cecilia Borghese   Lorenzo Castelletta   Vincenzo Carpino   

Riccardo Ciarpella   Roberta De Simone   Monika Lepisto   Mateo Mirdita   Kinui Oiwa   

Eleonora Pifferi   Azzurra Schena   Giulia Strambini   Simone Zannini   Stefano Zumpano

Lo spettacolo ha una durata di un’ora e trenta minuti incluso intervallo

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Damar

(A Stefano. Il ricordo è un piccolo granello che riempie lo spazio dell'assenza)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

ITC Farma punta sui giovani: coltivare oggi i talenti di domani

La sinergia tra accademia e impresa è un passo necessario per la crescita del Paese

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]