Lunedì, 15 Luglio 2019 13:45

I solisti del teatro. “La vacanza” che ti costringe a guardare le stelle

Scritto da

ROMA - Si è aperta – venerdì 12 luglio ai Giardini della Filarmonica Romana – la XXVI edizione dei “Solisti del teatro” con La vacanza di Giovanni Anversa, interpretata da Orsetta De Rossi, Sabrina Knaflitz e Pino Strabioli.

Sotto un cielo stellato, circondati dagli alberi, la fisarmonica di Marcello Fiorini ci racconta, sin dai primi istanti, la profondità e la malinconia di un testo che scava fino agli interstizi più nascosti della perdita e del lutto. Ma l'ironia e la leggerezza dei tre personaggi che animano e danno forma alle parole donano il sollievo intimo della perseveranza e del coraggio.

Le loro vite s’intrecciano una volta sola, in un'unica fuga al mare che ha il sapore rassicurante della vacanza. I tre s’incontrano al cimitero: le due donne si avvicinano l'una all'altra perché si trovano a coincidere nello stesso dolore di madri che hanno perso un figlio; la loro curiosità le porta verso l'uomo che si trova lì dopo aver perso il compagno. Si riconoscono – dentro al solco del dolore –, si scrutano l'un l'altro chiusi dentro la propria sofferenza che li avvicina, ma inevitabilmente li allontana. Le parole che s’intrecciano e li legano assumono la forma precisa delle confessioni, dell'intimità tipica dell'amicizia. Sono le parole a rompere gli argini, a mostrarli diversi eppure simili, uguali di fronte alla morte e a ciò che è andato perduto.

La fuga al mare trasporta i tre personaggi dentro l'impossibilità di vita dopo il dolore, dentro la solitudine dell'assenza, dentro l'isolamento della sofferenza; eppure li vediamo ridere, li ascoltiamo cantare, declamare gli amati versi di una vita. Il mare li pone di fronte alle proprie indulgenze, alle maternità mancate o mancanti, all'amore addormentato; ma poi li spinge a guardare il cielo, a staccare il naso dal proprio “io” annientato per tirarlo su, verso le stelle e la moltitudine di occhi immortali che li guardano e li vegliano.

L'interpretazione di Orsetta De Rossi, Sabrina Knaflitz e Pino Strabioli disegna sulla scena spoglia un cimitero, una cucina, la spiaggia. Le parole pronunciate su un palcoscenico affacciato sugli alberi nella notte di un'estate romana risvegliano fantasmi, risuonano di assenze, trafiggono in punti che tornano a dolere, accarezzano e consolano e si rivestono di vita; in quell'incantesimo che solo il teatro sa fare quando t’illude di finzione e poi ti costringe, senza preavviso, ad alzare il naso verso le stelle.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]