Mercoledì, 09 Ottobre 2019 13:47

“Le Mans 66”. James Mangold: “L’effetto speciale non acquistabile è il fattore umano”

Scritto da

ROMA – “Le Mans '66 - La grande sfida” di James Mangold racconta la competizione umana, non è un film unicamente sportivo ma un racconto di relazioni tra persone ambiziosissime, i cui sentimenti sono universali e vanno oltre l’ambiente in cui si muovono: per questo potrebbe piacere anche a chi non ama le corse automobilistiche, pubblico femminile compreso.

All’inizio degli anni ’60 la Ford é stanca di essere surclassata dalla Ferrari nella 24 ore di Le Mans. Così Henry Ford II, nipote del fondatore della casa automobilistica, si affida all’ingegnere Carroll Shelby (Matt Damon), ex pilota che non gareggia più per problemi cardiaci, ora progettista e venditore di automobili, affinché programmi un'auto capace di trionfare. Shelby chiede aiuto al pilota inglese Ken Miles (Christian Bale), asso del volante, arrogante e di modi bruschi, che prima di accettare la proposta deve superare un radicato scetticismo contro il team aziendale della stessa Ford. I due in poco tempo, dopo la messa a punto della mitica Ford Gt40, non senza bastoni tra le ruote, ripensamenti, grandi sacrifici e rischi enormi cominciano a ingranare per ambire al traguardo. Dal canto suo Enzo Ferrari, bene interpretato da Remo Girone, aveva mostrato grande albagia rifiutando con disprezzo la proposta d'acquisto della sua fabbrica da parte di Henry Ford, implicitamente sfidandolo. Di questa competizione vera lasciamo il finale storico allo spettatore che non lo conosce. 

L’abilità narrativa di James Mangold è tutta nella fluidità di un’opera capace di sorprendere e di tenere con il fiato sospeso per tutta la durata delle due ore e mezzo. Lo stesso regista in conferenza stampa ha affermato di aver fatto un film dove le auto non sono costruzioni digitali e sulla pista ci sono persone : l’effetto si vede e il cuore di chi guarda balza in gola. Parafrasando una battuta di Matt Damon, Mangold ha affermato che l’effetto speciale non acquistabile è sempre e comunque quello dell’“umanita”, tanto più che in “Le mans 66” non si parla di supereroi ma di uomini. James Mangold ha chiarito che a lui interessava il retroscena della gara, mostrare perché un pilota fa ciò che fa, raffigurare il lato intimo dell’ambiente. Nei fatti, dunque, ciò che al film dà senso universale e stimola curiosità perché, per la maggioranza degli spettatori, il fattore umano nello sport è qualcosa di poco conosciuto e imprevedibile. 

  • Titolo originale: Ford V. Ferrari
  • Regia: James Mangold
  • Cast: Christian BaleMatt Damon, Jon Bernthal, Caitriona Balfe, Noah Jupe, Paul Sparks, Emil Beheshti, Corrado Invernizzi, Josh Lucas, Adam Stuart, Ray McKinnon, JJ Feild, Tracy Letts
  • Genere: Azione, colore
  • Durata: 152 minuti
  • Produzione: USA, 2019
  • Distribuzione: 20th Century Fox
  • Data di uscita: 14 novembre 2019
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]