Venerdì, 11 Ottobre 2019 13:20

Teatro Brancaccio. “Aladin Il Musical geniale” o il coraggio della meraviglia. Recensione

Scritto da

ROMA - Spesso ci dimentichiamo quanto sia bello e liberatorio poter tornare bambini, anche solo per una sera. A volte sono le fiabe della nostra infanzia o i volti che ammiravamo in televisione e i ricordi legati ad essi che all'improvviso ci spalancano i sogni oramai dimenticati. Può accadere quindi di sospendere il proprio giudizio critico e ponderato in favore di quella parte di noi che ancora ha il coraggio di meravigliarsi.

Maurizio Colombi porta in scena "Aladin, il musical geniale" al Teatro Brancaccio fino all'8 dicembre: un family show che – ispirandosi alla fiaba classica di Aladino e strizzando l'occhio alle esperienze cinematografiche più conosciute – trova il modo per proporre uno spettacolo variopinto e piacevole e, allo stesso tempo, riflessivo nei confronti di temi come l'egoismo e la smania di potere, la libertà e la giustizia, l'amore e il desiderio di fare del bene.

Alla sabbia e alla memoria di essa – evanescente e vana – e alla voce salda e profonda del narratore è affidato il racconto della leggenda dalla quale prende vita tutta la messinscena. I due geni fratelli (Sergio Frisca e Umberto Noto) – Titani inviati sulla Terra dalla dea Gea – ci raccontano da subito un mondo da sogno animato da una comicità palesemente contemporanea e un respiro ricco di leggerezza.

Al ruolo intelligente e grottesco dei “cattivi” – il Gran Visir Jafar (Maurizio Semeraro) e il suo fedele compagno Skifus (Jonathan Guerrero) – è affidata la parte più riflessiva dello spettacolo che rivela con ironia l'aspetto ridicolo del male e il limite stesso della smania di potere. L'amore nelle vesti giovani ed entusiaste di Aladin (Leonardo Cecchi) e Jasmin (Emanuela Rei) ha la luce dei ricami dorati dei loro costumi e assume su di sé le parole e la musica dei classici indimenticabili della canzone italiana. Il loro legame non pecca di superficialità: si costruisce bene sulla scena; si salda di complicità.

I tratti caricaturali dei personaggi, gli effetti sonori tipici dei cartoon creano a volte l'effetto straniante che fa pensare all'eccesso, restando tuttavia nel solco tipico dell'impianto classico della commedia e nella forma più colorata ed espressiva in grado di coinvolgere positivamente un pubblico arricchito dai bambini.

E se la trama a volte si disperde e si ingarbuglia – smarrendosi in visioni laterali che prolungano oltremodo la freschezza della storia –, la musica, i costumi (Francesca Grossi), le coreografie di Rita Pivano e gli effetti speciali, le scenografie sognanti di Alessandro Chiti che disegnano un Oriente da fiaba, costruiscono – in compenso – uno spettacolo che è racconto e, al tempo stesso, una vera e propria festa: qualcosa che ha che fare con la sincerità di un sorriso. Si crea così una piccola magia che ha il pregio di incantare i bambini e alleggerire gli adulti, sorpresi a sorridere mentre ancora sognano di volare senza timore su un tappeto volante.

LEONARDO CECCHI, EMANUELA REI, 

CON LA PARTECIPAZIONE DI SERGIO FRISCIA

in

ALADIN IL MUSICAL GENIALE

MUSICHE ORIGINALI E ARRANGIAMENTI MUSICALI
DAVIDE MAGNABOSCO, ALEX PROCACCI, PAOLO BARILLARI

Con
UMBERTO NOTO – GENIO DELLA LAMPADA
MAURIZIO SEMERARO – JAFAR
RENATO CRUDO
 - ABDUL
GLORIA MIELE – AISHA
JONATHAN GUERRERO - SKIFUS
DANIELE DEROGATIS - SULTANO
FULVIA LORENZETTI – KAMIRA
RAFFAELLA ALTERIO - COCO

ideato e diretto da MAURIZIO COLOMBI

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]