Giovedì, 28 Novembre 2019 11:19

Teatro Eliseo. Non farmi perdere tempo. Tragedia comica per donna destinata alle lacrime

Scritto da

Tina ha ventisette anni, ma ne dimostra sessanta. È una donna comune, colpita dal destino, ma non si arrenderà mai. Ha individuato il tempo a sua disposizione come risorsa-energia-fortuna-possibilità e se n’è impadronita produttivamente: lo ha conquistato.

Ad un certo punto della sua vita, sollecitata da un evento, decide di affrontare e concludere molte delle faccende ordinarie e straordinarie, delle aspirazioni e passioni che ha sopportato, aspettato o rimandato per molto tempo. Siano esse familiari, d’amore, di lavoro o di divertimento, vanno affrontate adesso. Il tempo stringe. 

Come il pirandelliano protagonista de L’uomo dal fiore in bocca si rifugia nell’ immaginazione, così Tina si rifugia nella grande medicina che è la fantasia, pur non perdendo mai di vista il concreto. 

Lunetta Savino, attrice prismatica, è la giovane Tina, invecchiata per una rara patologia, che dimostra ai personaggi cui si rivolge che gli eventi tristi spesso hanno un’altra chiave di lettura: quella buffa.  Nonostante si passi continuamente dalla casa alle scale del palazzo, dalla strada a uno studio medico, lo spazio scenico praticato resta stretto e circoscritto come la vita di Tina, ma qualcosa lo rende ampio come la sua anima. 

La giovane donna si rifugia nella accelerata (e per questo buffa) voglia di concretizzare i suoi progetti. E in ultimo decidere anche la propria sorte. La vita è preziosa, ma per qualcuno talvolta diventa preziosa anche la morte. 

Note di regia

Voler sottolineare la preziosità del tempo che abbiamo a disposizione e che spesso, dimenticando, viviamo come se fosse infinito. 

Volere esorcizzare il disagio psicologico e affrontare la malattia fisica, senza rinunciare alla fantasia e al riso. Volere considerare la possibilità di decidere la propria sorte. Volere tutto questo è possibile, averlo no. Per questo si scrive un testo.

Tina non è una vittima, bensì un’eroina. Le sue sono tutte vicissitudini e gesta assolutamente comuni, ma risulta grande perché ha fatto della vita e nella vita ciò che voleva. In un tempo diverso dagli altri, ma lo ha fatto. Avendo individuato il tempo a sua disposizione come risorsa-energia-fortuna-possibilità se ne è impadronita totalmente e produttivamente: lo ha conquistato.

Laddove è stato possibile, si è tentato di trattare con gioco e divertimento o interpretare senza complicazioni preconcette, il tema della malattia. Solo chi ne è colpito direttamente può giocare con essa, autoironizzare senza svilire o sminuire la propria condizione, bensì nobilitandola, perché più delle persone sane, la persona colpita ha sviluppato una sensibilità più acuta verso la vita. Quando si è nella situazione in cui è Tina prevalgono e si impongono tante funzioni del corpo e tante capacità della psiche, tranne la razionalità. Urlano tutti i sensi, vincono tante sensazioni, rabbie, bisogni e sentimenti…

Con una lingua contemporanea, popolare, ecco il buffo rapporto con oggetti della vita reale, con termini e simboli dei media correnti, elenchi di detersivi, gente della porta accanto e delinquenti stazionanti di fronte casa. Questa donna che canta motivetti pop e strambe canzonette, dipinta con comiche paure, ragionamenti molto originali, uno spassoso modo di parlare e degli schizzati intercalari, sembra una folle, ma ha un cuore immenso. Spesso si rifugia nella grande medicina che è la fantasia, ribattezzando la gente con nomi nuovi, allestendo la casa con elementi festosi, vestendosi e trasformandosi in diva della musica. È un continuo passare da un ambiente all’altro di casa sua, dalla strada allo studio del medico, alle scale del suo palazzo… Nello spazio scenico stretto e circoscritto, come la sua vita, ma che con la fantasia e le sue evocazioni, diventerà ampio come la sua anima, e nell’arco di poco più di un’ora, Tina presenterà se stessa e i suoi personaggi, o forse i suoi fantasmi, e vivrà una storia compiuta con tanto di inizio e poetica conclusione. Aperta.

Massimo Andrei

critto e diretto da Massimo Andrei

Con

Lunetta Savino

Scene Daniele Stella

Costumi Annalisa Ciaramella

Musiche Claudio Romano

Produzione Maurizio Marino per Arteteca Produzioni, Stefano Sarcinelli per Laprimamericana, Massimo Andrei per Mater

Debutto nazionale 27 giugno 2019 - Napoli Teatro Festival 

DURATA: 1 ora e 30 minuti

PICCOLO ELISEO

Da giovedì 28 novembre a domenica 8 dicembre 2019

Biglietteria tel. 06.83510216 

Giorni e orari: lun. 13 – 19, da martedì a sabato 10.00 – 19.00, domenica 10 - 16

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Biglietteria on-line www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it

Call center Vivaticket: 892234

Orario spettacoli

Da martedì a sabato ore 20.00

Domenica ore 17.00

Prezzo 20 € 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]