Lunedì, 16 Dicembre 2019 13:51

Concerto con Leucò: polifonia artistica che colpisce al cuore. Le foto

Scritto da

Nella cornice del “Macro Asilo” il museo di Arte Contemporanea  al civico 138 di Via Nizza in Roma è andato in scena dal 13 al 15 dicembre un esperimento poli-sensoriale: “Il Concerto con Leucò” di Agnese Ricchi, ideatrice, regista e protagonista ispirato all’opera “Dialoghi con Leucò” di Cesare Pavese.

ROMA - In uno spazio dedicato all’arte a 360 gradi lo spettacolo che contamina arte poesia e teatro trova la sua location ideale. Giochi di luce e videoproiezioni psichedeliche accolgono lo spettatore rapito dalla moltitudine di colori che si stagliano sul fondo in contrasto con il bianco candido che avvolge le due attrici: Agnese Ricchi e Cristina Golotta. Un inizio carico di pathos, con un lenzuolo bianco che copre questi corpi inermi, che a poco a poco riprendono vita, mentre il candore del lenzuolo si tinge di blu, quasi schiuma d’onda, come l’omonimo poema di Cesare Pavese: “Dialoghi con Leuco” da cui è tratto uno dei tre brani portati in scena. Il primo, “Le streghe” con un’intensa Agnese Ricchi nei panni di una Circe fuori dagli schemi con una risata prorompente e una regalità a tratti terrificante: “colei che tutto vede e tutto sa”, che rese il cuore solo a Odisseo che la rese immortale nei suoi versi. Altrettanto convincente è Cristina Golotta nei panni di Ariadne, la principessa cretese abbandonata da Teseo, che con espressione tragica e contorsioni corporee esprime il disagio dell’abbandono, il cui vuoto è stato colmato grazie alla ninfa Leucotea che la indirizza verso il culto del dio Dioniso, definito “dio della gioia”. 

Ad alto impatto emotivo è la scena dell’adorazione del dio, rappresentata da una video installazione a sua immagine che si scompone in vortici di colori primari, indicativi dell’estasi dionisiaca, metaforicamente rappresentata dalle donne attraverso un tuffo con rincorsa all’interno di queste proiezioni: una vera e proprio corsa dentro questo tunnel del piacere. Romantica e struggente è il dialogo già citato “Schiuma d’onda”, dove il tema è il suicidio, con il confronto tra la mortale Saffo suicidatosi per amore e la divina Britomarti che schernisce l’altra, che per amore è stata sia onda che frangiflutti, in un’imperitura attesa del suo amato. Mentre gli dei deridono: l’amore, i mortali, la bestia. E apprezzano invece “Elena (di Troia) che non ride, ma forse è stata felice”.

Tra dialoghi, a diverso impatto emotivo, un registro stilistico aulico per un effetto coinvolgente, ma dove spicca l’intento artistico di unire armonicamente: teatro, musica e video per realizzare un nuovo prodotto artistico.

«Quest’opera è il testamento artistico di Cesare Pavese – spiega l’ideatrice Agnese Ricchi – il quale poco tempo dopo averla terminata si suicidò; tante suggestioni e meditazioni celate espresse magnificamente dalla sua maestria e genialità. Un testo che studiai e interpretai venti anni fa all’Accademia di Arte drammatica con la compianta Marisa Fabbri e che oggi mi sono riproposta di riprodurre con un linguaggio contemporaneo e poli-sensoriale composto da musica, video e teatro . Ed è stata una vera e propria scommessa». 

Una scommessa vinta, per la commozione e l’intensità dipinta sui volti del pubblico, coinvolta con più sensi ed emozioni impresse nell’anima. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]