Lunedì, 24 Agosto 2020 10:53

“Quattro vite”, film francese nelle sale il 27 agosto

Scritto da

Il titolo francese “Orpheline” ovvero Orfana, più significativamente dell’italiano “Quattro vite”, meglio sintetizza il percorso travagliato di una protagonista senza guida ispirato alla gioventù della co-sceneggiatrice Christelle Berthevas, testimoniando come tutto parta dalla genesi della nostra occasione e come cambiare il proprio karma sia difficile.

Una maestra (Adèle Haenel), con un passato che vorrebbe dimenticare, vede tornare a galla ciò che avrebbe voluto rimuovere, grazie anche all’uscita dal carcere di un’ex complice. Così, quando è arrestata a casa sua dalla polizia, dovrà rivelare al partner chi sia veramente, proprio nel momento in  cui aspetta un bambino … 

Da qui il regista Arnaud des Pallières ripercorre il passato della giovane donna, le origini tormentate in un ambiente malsano che l’ha condotta all'illegalità. Una sorta di storia a flash back della stessa persona, per raccontare la quale des Pallières ha scelto un'attrice diversa per ogni stagione: dall’infanzia all’età adulta corpi differenti per ogni identità. Dalle scommesse nel giro delle corse ippiche, dove il denaro scorre a fiumi e si è tentati di impossessarsene, alle discoteche dove la carne giovane è in offerta, il film di Arnaud des Pallières analizza un destino nato sotto il segno della violenza, che cerca a tastoni un varco per un futuro più degno.  

La bambina è Vega Cuzytek, Adèle Exarchopoulos e Solène Rigot impersonano l’inizio e la fine della sua adolescenza anche se le due attrici sono coetanee, fatto visibilmente inconfutabile e destabilizzante per lo spettatore, al quale può venire il dubbio se il film stia parlando della stessa eroina. La brava Adèle Exarchopoulos, arrivata al successo grazie all’indimenticabile “La vita di Adele”, Palma d’oro al festival di Cannes del 2013, è sacrificata nella piccola parte. Un film sensuale, crudo e a tratti intrigante, che si lascia guardare nonostante lo sconfinamento nel concettuale.

Data di uscita:27 agosto 2020

Genere:Drammatico

Anno:2016

Regia:Arnaud des Pallières

Attori:Adèle HaenelAdèle ExarchopoulosSolène RigotVega CuzytekJalil LespertGemma ArtertonNicolas DuvauchelleSergi LópezKarim LeklouRobert Hunger-BühlerEdea DarcqueLaurent DelbecqueEmilie Gavois-Kahn

Paese:Francia

Durata:111 min

Distribuzione:Movies Inspired

Sceneggiatura:Christelle BerthevasArnaud des Pallières

Fotografia:Yves Cape

Montaggio:Arnaud des PallièresGuillaume LaurasEmilie Orsini

Produzione:Les Films Hatari

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]