Mercoledì, 31 Marzo 2021 11:32

Primo Piano – Pianeta Donna. “Il caso Braibanti”, una vicenda giudiziaria medievale accaduta nel 1968

Scritto da

Aldo Braibanti - nato nel 1922 e scomparso nel 2014 - è stato uno scrittore, poeta, partigiano e mirmecologo ovvero studioso della vita delle formiche.  Nel 1968, anno di grandi fermenti politico-culturali, Braibanti fu processato e condannato per avere plagiato il ventunenne Giovanni Sanfratello, con il quale aveva una relazione sentimentale, dopo una denuncia presentata dalla famiglia del ragazzo. 

Primo Piano – Pianeta Donna propone l’importante documentario di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese “Il caso Braibanti”, film del 2020, che sorretto da immagini, filmati, articoli, documenti processuali, attraverso la sceneggiatura di uno spettacolo teatrale e le testimonianze di Piergiorgio Bellocchio, Dacia Maraini, Lou Castel, Maria Monti, Alessandra Vanzi, Elio Pecora e del nipote di Aldo Braibanti, ripercorre quella vicenda giudiziaria, il cui iter da caccia alle streghe fa inorridire e diventa più che mai necessario conoscere e tenere a memoria. 

Il film di Giardina e Palmese fa emergere mai provate colpe prive di umanità e civiltà attribuite ad Aldo Baribanti da una cultura oscurantista che, nel periodo in cui si svolse, credevamo superata.  Giovanni Sanfratello non mosse nessuna accusa a Braibanti e testimoniò di averlo scelto liberamente come compagno. Il reato per il quale Aldo Braibanti venne condannato, fu codificato dal Codice Rocco dell'era fascista e cancellato dalla Corte Costituzionale nel 1981.

Lo stesso Giovanni Sanfratello è stato una vittima della violenza della sua famiglia che, per fargli cambiare idea, lo fece rinchiudere in un ospedale psichiatrico, dove fu sottoposto a numerosi elettroshock: agghiaccianti nel documentario le scene di questa pratica che appare tortura. E poiché Giovanni continuò a non accusare Aldo Braibanti, la legge e i parenti, giudicandolo non ancora guarito, proseguirono a infierire per raddrizzarlo.   Un film scioccante e necessario.

Il caso Braibanti (2020). Un film di Carmen Giardina, Massimiliano Palmese con Lou Castel, Maria Monti, Pier Giorgio Bellocchio, Mauro Conte, Alessandra Vanzi, Fabio Bussotti, Ferruccio Braibanti. Genere Documentario durata 60 minuti. Produzione Italia 2020. 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

La marea e l'amore

Il mio amore è come il mare immenso… 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come…

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come lo conosciamo?

Siamo di fronte a una bolla speculativa destinata a scoppiare? Oppure, come sostiene Beeple, la cui opera digitale è stata venduta per 70 milioni di dollari da Christie’s a New...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Primo Piano – Pianeta Donna. Omaggio ad Alida Valli nel centenario della nasc…

Primo Piano – Pianeta Donna.  Omaggio ad Alida Valli nel centenario della nascita

Cento anni fa, il 31 maggio 1921, a Pola, la bella città dell’Istria allora italiana, nasceva Alida Valli, la prima vera diva italiana del cinema fin dagli anni Trenta. Sarebbe...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]