Giovedì, 25 Agosto 2011 09:58

“Pink Subaru”: commedia surreale, in un teatro solitamente di guerra. La recensione

Scritto da

ROMA - Elzober, è  un vedovo quarantacinquenne con due bambini,  che vive a Taybe, una città di arabi israeliani al confine tra la Cisgiordania e Israele. Si è appena comprato una Subaru Legacy  bella automobile nera fiammante,  mezzo imprescindibile per raggiungere Gerusalemme o Tel Aviv, nonché status symbol. 

Elzober, cuoco in un ristorante di sushi di Tel Aviv, ha raggiunto l’obiettivo dopo venti anni di risparmi: l’avvenimento è talmente grande da fare una festa all’aperto con sacrificio dell’ agnello, invitando tutti i vicini.  Ma  presto il sogno dell’uomo si trasforma in disperazione:  la Subaru gli viene rubata  e, purtroppo,  per un ritardo della concessionaria scopre che non era stata assicurata. Parenti,  amici, un ex ladro d'auto, una coppia di ebrei sefarditi, il datore di lavoro di Elzober,  la sua collega, una giapponesina, si attivano per ritrovare il miraggio svanito.

Commedia frizzante, insolitamente ambientata in un territorio teatro di ben altri racconti cinematografici: assenti checkpoint,  carri armati, conflitti, tensioni etniche. Il regista, in modo inedito,  vuole concentrarsi sul quotidiano, sul buffo,  sul surreale esistere di una piccola comunità, lontano dai luoghi comuni che vorrebbero questi territori  solo scenario di  drammi bellici.

Film garbato, godibile, con attori credibili, opera prima del nipponico Kazuya Ogawa, che  porta sullo schermo il soggetto scritto in collaborazione con Akram Telawe, arabo israeliano, in un curioso miscuglio etnico, pieno di speranza, dove anche i ladri più incalliti, le maghe, i ciarlatani,  risultano avere un cuore. La sensazione che tuttavia il film lascia, per quanto corretta, è tiepida.  Un esordio del quale va tenuto conto in attesa di frutti più maturi.


Scheda film:


USCITA CINEMA: 02/09/2011
REGIA: Kazuya Ogawa
SCENEGGIATURA: Giuliana Mettini, Jeremy Pikser, Akram Telawe
ATTORI: Akram Tillawi, Nidal Badarneh, Nahd Bashir, Adib Jahshan, Nozomi Kawata, Makram Khoury
FOTOGRAFIA: Hiroo Yanagida
PRODUZIONE: Compact, Revolution
DISTRIBUZIONE: Iris Film
PAESE: Italia, Giappone 2011
GENERE: Commedia
DURATA: 96 Min
FORMATO: Colore



Trailer

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]