Domenica, 25 Settembre 2011 10:33

Film: “Una separazione”. Meritato successo di pubblico e critica. La recensione

Scritto da

ROMA - Simin, una moglie, ha finalmente ottenuto per se e per la famiglia il visto per lasciare l’Iran, ma Nader, il marito, non ci sta, non vuole insegnare alla figlia dodicenne che è giusto fuggire, si rifiuta di lasciare lasciare la patria e di abbandonare il padre affetto da Alzheimer.


“Ma lui non sa nemmeno che tu sei suo figlio” gli dice la donna.
“Ma io so che lui è mio padre” gli ribatte testardo lui.
Simin allora si rivolge alla giustizia e chiede la separazione, l’uomo non le vuole imporre nulla e così sta a guardare mentre la moglie esce di casa. Ora Nader si dovrà occupare di Termeh, la figlia, e dovrà trovare qualcuno che badi al padre malato mentre lui è al lavoro.

Questo è solo l’inizio di Una separazione, anche se già vi sono tutti gli elementi che torneranno a presentarsi nella storia, che si srotola in un susseguirsi  di eventi e discorsi in cui i personaggi, purtroppo così reali, si impongono per il loro attaccamento alle idee a cui credono di doversi aggrappare. Una storia che è narrata come solo i persiani sanno narrare, grazie a un ottimo soggetto e a una sceneggiatura incalzante, che ti stordisce perché cambia continuamente il tuo punto di vista su ciò che accade, che ti fa pendere prima per l'uno e poi per l'altro personaggio. Non a caso il regista Asghar Farhadi, che ha anche scritto e prodotto il film, dice esplicitamente che il suo obiettivo è porre domande. E ci riesce benissimo, meritando pienamente il successo che gli sta regalando il pubblico francese, e che gli ha tributato il festival di Berlino.

Gli attori sono molto bravi, scompaiono dietro ai personaggi, in particolare Peyman Moaadi nella parte di Nader e Shahab Hosseini nel ruolo di Hodjat, il marito della badante. Il film è neorealista solo all’apparenza e nella capacità di rappresentare a distanza la complessità della società iraniana. Una separazione è un film sulla giustizia umana, una giustizia che alberga nel senso del peccato e nel cieco orgoglio del giusto, che si nutre di dettagli e definizioni, che è scelta tra eguali, una giustizia che aspetta nei corridoi dei tribunali.


  • Orso d’Oro: Miglior Film 2011
  • Orso d’Argento: Migliore Interpretazione Femminile
  • (Sareh Bayat, Sarina Farhadi, Leila Hatami)
  • Orso d’Argento: Migliore Interpretazione Maschile
  • (Peyman Moadi, Ali Asghar Shahbazi, Babak Karimi)
  • Ecumenical Jury Prize 2011
  • Peace Award College 2011



CAST  ARTISTICO

Leila Hatami                Simin
Peyman Moaadi            Nader
Shahab Hosseini            Hodjat
Sareh Bayat                Razieh
Sarina Farhadi                Termeh
Babak Karimi                Giudice
Ali-Asghar Shahbazi            Padre di Nader
Shirin Yazdanbakhsh        Madre di Simin
Kimia Hosseini                Somayeh
Merila Zarei                Signorina Ghahraei


CAST TECNICO

Scritto, prodotto e diretto da    Asghar Farhadi
Fotografia                    Mahmood Kalari
Montaggio                    Hayedeh Safiyari
Missaggio del suono            Mohammad Reza Delpak
Montaggio del suono            Reza Narimizadeh
Scene e costumi               Keyvan Moghadam
Trucco                      Mehrdad Mirkiani
Produttore esecutivo            Negar Eskandarfar


Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]