Martedì, 18 Ottobre 2011 13:06

“Una Separazione”: l’Iran rivelato con fascino e suspence. Recensione. Trailer

Scritto da

Finisce nello stesso luogo in cui inizia, un’aula di tribunale, “Una Separazione”, quinto lungometraggio del regista iraniano Asghar Farhadi, vincitore nell’ultima edizione del Festival del Cinema di Berlino dell’Orso d’Oro al miglior film.

Nader e Simin sono lì per divorziare: hanno ottenuto il visto per lasciare l’Iran ma Nader si rifiuta di partire perché deve occuparsi del padre, affetto da Alzheimer. Anche la figlia Termeh è con loro, e decide di rimanere con il padre, mentre Simin torna a vivere  nella casa  dei suoi genitori. Nader è quindi costretto ad assumere una giovane donna, Razieh, che possa prendersi cura del padre mentre lui è al lavoro. La donna, incinta e con una figlia di cinque anni, è molto religiosa e lavora all’insaputa del marito e durante un diverbio con Sader  cade e perde il bambino: è da qui che inizia un susseguirsi di scambi di accuse, omissioni, testimonianze, ritrattazioni, interrogatori davanti al giudice, tutto davanti agli sguardi innocenti  ma non per questo meno maturi delle figlie dei protagonisti.   
Come nel precedente “About Elly”, Farhadi parte da una vicenda  quotidiana che pian piano assume sempre più i connotati di un vero e proprio thriller: una storia che, per aggirare la scure della censura, non affronta temi politici ma ci mostra un paese, l’Iran, che se non fosse per i condizionamenti religiosi dei protagonisti, potrebbe benissimo esser scambiato per  un qualsiasi paese occidentale.


Non ci sono colpevoli nel film, ma nessuno può considerarsi completamente innocente: le due protagoniste femminili, sebbene antagoniste, più si adopereranno affinché venga riportata a galla la verità, superando il pregiudizio del ruolo passivo delle donne nella società nei paesi islamici.
Film molto parlato ma che per tutta la sua durata riesce a non annoiare mai, più che all’inevitabile accostamento col neorealismo nostrano la pellicola mescola la libertà formale tipica del cinema indipendente americano con un dinamismo verbale che rimanda al cinema di Erich Rohmer .
Grande successo in Francia, dove ha avuto un’accoglienza assolutamente eccezionale che gli ha fatto raggiungere la quota di 1.000.000 di biglietti strappati, il film uscirà nelle sale italiane il 21 ottobre.


Titolo originale: 
Una Separazione (Jodaeiye Nader azSimin)

Nazione: 
Iran

Anno: 
2011

Genere: 
drammatico

Durata: 
123

Regia: 
Asghar Farhadi

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]