Sabato, 20 Novembre 2010 17:23

Su Sky, la seconda serie sulla “banda della Magliana”

Scritto da

Prima e seconda puntata della nuova serie prodotta da Sky, mostrano come l’idea produttiva sia intelligente, ben scritta (da Daniele Cesarano, Paolo Marchesini, Barbara Petronio, Leonardo Valenti e con la supervisione di Giancarlo De Cataldo, l’autore del romanzo originale), ben diretta (da Stefano Sollima).

Gli autori danno risalto alla ricerca spasmodica della banda di trovare e punire gli assassini di “Libano” (nella realtà, Franco Giuseppucci, fondatore del team criminale e primo a lasciarci le penne, ucciso dai rivali di Monteverde, i Proietti), che diventa una vera e propria ossessione, foriera di sbagli ed errori di persona. Nella scena finale della seconda puntata, individuano l’antagonista e ingaggiano una furiosa sparatoria, che però finisce male per tutti, mentre il pavido Dandi fugge scosso dalla visione del fantasma del libanese, riflesso nello specchietto retrovisore.

Una sorta di discesa agli inferi, per il Freddo, Dandi e gli altri, in una Roma allucinata, stretta fra le morse di un potere nascosto e la bulimia affaristica di una concrezione di giovani sbandati, senza alcun destino spendibile. Sky mostra di credere in un prodotto medio che per troppo tempo è  mancato al cinema nazionale, privilegiando lo stile compassato e la recitazione veristica di attori sconosciuti (perlomeno erano tali quando la prima serie andò in onda), forzando forse un po’ troppo gli archetipi del “serial” televisivo, ma giungendo indubbiamente a risultati fra i migliori degli ultimi anni.

Restano i dubbi su una mitizzazione eccessiva dei protagonisti di “Romanzo criminale”, nella quale, soprattutto i giovani telespettatori, possono cadere senza nemmeno rendersene conto. Ma sono i costi da pagare ad una fiction che, anzi, calca la mano sulla dissoluzione di qualsiasi identità sociale nei criminali del XX secolo, favorendo, in chi sappia formularlo, anche una crisi di rigetto morale. E questo è, senza dubbio, un ottimo risultato.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]