Domenica, 18 Dicembre 2011 16:54

Cinema. “Vacanze di Natale a Cortina”. La recensione

Scritto da

ROMA - A distanza di ventotto anni da “Vacanze di Natale”, grande successo cinematografico di fine anno 1983, torna ad essere ambientato a Cortina il cinepanettone prodotto da De Laurentis  e Christian De Sica indiscusso mattatore: “Vacanze di Natale a Cortina”, con la regia di Neri Parenti e la presenza dei fratelli Vanzina in veste di sceneggiatori.



La trama come al solito narra le “gesta” di un gruppo di personaggi dell’Italia di oggi che decide di trascorrere la vacanze natalizie a Cortina: tra di loro troviamo l’ingegnere del nord (Ivano Marescotti) che deve chiudere rapidamente  un accordo con un magnate russo per la fornitura del gas, non sapendo però che Lando (Dario Bandiera), il suo autista di origini siciliane da poco assunto grazie a una raccomandazione di un politico, rischia di far saltare tutto perché inizia una relazione con la moglie del tycoon; c’è Massimo (Ricky Memphis), pieno di invidia nei confronti del cognato perché quest’ultimo ha vinto 250 mila euro al gioco dei pacchi che inizia, insieme alla moglie Brunella, una guerra personale nei confronti della coppia all’apparenza più fortunata.
E non poteva mancare l’affermato avvocato romano Roberto Covelli (Christian De Sica), noto donnaiolo che per l’occasione decide di lasciare la sua ennesima amante e di non tradire mai più la moglie Elena (Sabrina Ferilli), non sapendo che da quel momento in poi una serie di equivoci lo porteranno a dubitare della fedeltà della moglie stessa.

Film che verrà consumato rapidamente durante le vacanze natalizie, e che sarà sicuramente campione d’incassi vista la non agguerritissima concorrenza – l’ultimo di Pieraccioni si mormora che sia pessimo – “Vacanze di Natale a Cortina” segna comunque un seppur minimo passo avanti rispetto ai  suoi predecessori: la sua comicità, seppur abbastanza banale e scontata, non raggiunge mai i livelli di volgarità tipici delle produzioni precedenti, soprattutto quelle di inizio millennio, che vedevano la presenza di personaggi inquietanti come i Fichi d’India, Massimo Boldi, Enzo Salvi.
Si ride quindi, ma si riesce anche a scorgere qualche lato non proprio edificante di noi italiani, come l’abitudine nell’andare in certi posti solo per farsi fotografare con il (presunto) vip di turno – vedi nel film la partecipazione di Alfonso Signorini, le contessa De Blanck e Emanuele Filiberto – insieme ad altri stereotipi tipicamente maschili – la paura di essere “cornificato”, o anche se non sei nulla d’eccezionale la straniera di turno cadrà ugualmente tra le tue braccia.
Quello in cui non riesce è nell’avvicinarsi al suo predecessore di inizio anni’80: era un film leggero e gentile “Vacanze di Natale”, nato dopo il grande successo di “Sapore di mare”, con volti ancora non molto noti ma più efficaci e, perché no, anche più simpatici.
Questo è una via di mezzo, tra ciò che è sempre stato un film di questo genere soprattutto negli ultimi anni e quello che magari vorrebbe diventare per evitare di essere frettolosamente archiviato e dimenticato dal 7 gennaio in poi.


Titolo originale: 
Vacanze di Natale a Cortina
Nazione: 
Italia
Anno: 
2011
Genere: 
Comico
Durata: 
113’
Regia: 
Neri Parenti


Vacanze di Natale a Cortina

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]