Giovedì, 12 Gennaio 2012 14:26

“Il sentiero”. Eros e Allah sono in conflitto? Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - La religione può ostacolare l’amore? Se lo chiede la regista bosniaca Jasmila Žbanić nel suo secondo lungometraggio Il sentiero, presentato in concorso all’ultima edizione del Festival di Berlino.

I protagonisti sono una giovane coppia, Luna e Amar, lei hostess, lui controllore di volo, all’aeroporto di Sarajevo. Per aver bevuto sul posto di lavoro, Amar, alcolista, viene licenziato. I due sono anche in crisi perché, nonostante due anni di tentativi, Luna non riesce a rimanere incinta ed è costretta a ricorrere all’inseminazione artificiale. Grazie all’incontro con Bahrja, suo vecchio compagno ai tempi dell’esercito e fervente musulmano, Amar ottiene un lavoro come insegnante d’informatica che lo terrà lontano dalla sua ragazza per alcuni giorni: il nuovo posto di lavoro è infatti un campo wahhabita fuori città. Da quell’esperienza Amar tornerà trasformato in credente zelante e metterà in discussione le scelte e le abitudini della coppia e soprattutto di Luna: dal rifiuto dell’inseminazione artificiale all’astensione dai rapporti sessuali.


Con “Il sentiero”, Jasmila Žbanić s’interroga sul ruolo della religione in un Paese ancora costretto a leccarsi le ferite della guerra civile. Nel film il passato ha un ruolo determinante, riemergendo sia nella vita di Amar che in quella di Luna, la quale nel finale  torna nella città natale di Bijeljina dove ha visto morire i genitori. Per Amar la religione diventa l’ultima spiaggia per porre fine ai  suoi tormenti esistenziali e alla condizione irrisolta di ex soldato. Cerca di far coesistere il nuovo credo musulmano con l’amore per la sua Luna, ma invano. La ragazza non riesce a comprendere la metamorfosi del compagno e resta turbata dalle seconde nozze dell’amico di Amar, Bahrja, già sposato, con una minorenne.


Il film può essere letto come una lunga, unica soggettiva di Luna. Negli sguardi che lancia alle donne del campo wahhabita fasciate dal niqab, o nella reazione al rifiuto di stringerle la mano da parte di Bahrja, la regista veicola il suo punto di vista sulla religione e sulla condizione della donna. Inoltre Jasmila Žbanić ha raccontato di aver vissuto in prima persona un rifiuto del genere: «Una volta a casa di amici e mi sono sentita insultata: volevo capire perché la cosa mi facesse infuriare». Nel finale l’autrice si prende la rivincita: nella scelta definitiva di Luna riafferma la vittoria del caso e del libero arbitrio sul disegno divino,  sbandierato da Amar.


Il sentiero
Regia e sceneggiatura di Jasmila Žbanić
Con  Zrinka Cvitešic, Leon Lučev, Ermin Bravo, Mirjana Karanovic, Nina Violic,Sebastian Cavazza
Paese: Austria, Germania, Croazia, Bosnia-Erzegovina
Distribuito da Fandango, nelle sale dal 20 gennaio


Il sentiero - trailer


Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]