Venerdì, 13 Gennaio 2012 16:06

Teatro Officina. Democrazia, convivere in una guerra civile. Recensione Trailer

Scritto da

MILANO. Lia e Rachele, due donne, due sorelle, nate in campagna e cresciute al sorgere del fascismo.

Lia però odia la terra, prega per la sua distruzione e conta. Ama la città perché ha un centro verso cui la gente si muove, vuole fare la cassiera, insegue l’orizzonte dietro al fantasma di suo zio Luciano, e così nega le sue radici e si apre al nuovo, prima staffetta partigiana, poi operaia e infine donna in carriera, sola, l’unica cosa che non dimentica è l’odio.

Rachele invece resta a casa, accetta il ruolo che le hanno assegnato, rispetta il padre Giovanni, si sposa ed ha tre figli. Lei non odia, dimentica, è una bambina invecchiata. Le due sorelle non si incontrano, hanno due vite parallele anche se finiscono con l’abitare nella stessa città. La democrazia è la convivenza di chi non condivide dei valori.

I due personaggi sono ben definiti, e vivono sul palco separatamente nonostante siano interpretati dalla sola Emanuela Villagrossi, che con forza e precisione mette in scena un dialogo continuo con se stessa, che alterna una voce all’altra e che parla con la sola sorella assente. Avrebbe meritato più applausi.

Il testo di Andrea Balzola è ben scritto, soprattutto nella prima parte, più poetica forse perché guarda al passato, mentre poi è meno efficace quando si avvicina al presente, tentato da slogan e con un finale che lascia perplessi. Interessante che la storia di due donne ruoti intorno al conflitto tra due uomini.

La messa in scena di Maria Arena riesce a rendere presente la sorella assente grazie alle inserzioni sapientemente calibrate di registrazioni audio e video, ma rischia di far scemare la tensione lasciando all’attrice l’onere di ogni cambio scena. Nel complesso uno spettacolo interessante, che inaugura il 2012  del teatro diretto da Massimo de Vita.



Democrazia – Trailer



Teatro Officina
Repliche:
13 14 ore 21.00
20 e 21 ore 21.00
22 ore 16.00

DEMOCRAZIA
Scritto da Andrea Balzola
diretto da Maria Arena
con Emanuela Villagrossi
musiche Stefano Ghittoni
assistente alla regia Alexandra Pirajno
video Maria Arena
registrazioni audio Marco Olivi - Blue Spirit Studio

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]