Domenica, 15 Gennaio 2012 19:45

“La talpa”: non scavate troppo a fondo. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Siamo nel 1973, in piena guerra fredda. Il capo dei servizi segreti inglesi Controllo (John Hurt) crede che fra i suoi collaboratori sia presente una spia al soldo dell' Unione Sovietica.

L'ombra del sospetto cade in particolare su cinque uomini. Per conoscere con certezza  l'identità della talpa Controllo invia in Ungheria l'agente segreto Jim Prideaux (Mark Strong). La sua missione tuttavia, si macchia di sangue ed ha un esito infausto. Toccherà all'agente George Smiley (Gary Oldman), richiamato appositamente in servizio, il compito gravoso di sciogliere i nodi dell'intricata vicenda.


E' un film estremamente sobrio, con un incedere lento (soprattutto nella prima parte) che da, a chi l'osserva, l'idea di trovarsi di fronte a qualcosa di "classico". In effetti rientra precisamente in una “classe”, nel senso che è un film di genere (spionaggio) molto tradizionale e convenzionale. Punta  sulla costruzione narrativa e non cede alle tentazioni del cinema moderno di far tanto rumore per nulla (in questo caso i colpi di pistola durante tutto il film non riempirebbero un tamburo). Appassionerà gli amanti del sudoku o in generale chi si lascia coinvolgere da giochi aritmetici, cerebrali. In effetti all'apparenza è un opera molto fredda. La fotografia ripercorre tutte le tonalità di grigio e di verde. I colori caldi sono pressoché assenti. Al contempo nessuna vibrazione emotiva sconvolge realmente lo svolgimento logico della narrazione. C'è una coerenza forte che oltrepassando lo stile, si lega anche ai contenuti. Il mondo descritto è fatto tranelli, di sotterfugi, di strategie studiate a tavolino, di apparenza. E' un mondo in definitiva "superficiale" e guai a scavare sotto, pena lo scoprire tutto il marcio che c'è. Ma non solo. Uno dei personaggi potrebbe chiedersi: "che senso (profondo) ha tutto questo"? Sembra implicitamente farlo George Smiley (grandioso in tal senso Gary Oldman, così come il resto del cast) con lo sguardo spento e la coltre di polvere e depressione che sembra essersi depositata su di lui. Forse la cosa più importante è quella che viene appena accennata: la separazione dalla moglie. Gli elementi emotivi e irrazionali sottaciuti reclamerebbero il loro spazio, ma vengono compressi e soffocati. Una implosione silente che non trova sbocchi. Tutto ciò leva un po' di energia al meccanismo narrativo. Il sospetto è allora che "La talpa", al di la degli indubbi meriti (coerenza stilistica, interpretazione degli attori, colonna sonora), nel suo stile classico possa soffrire in realtà di invecchiamento precoce. E la polvere può avere un fascino poetico su una vecchia credenza, ne avrà probabilmente meno su un mobile che si vorrebbe moderno.  

USCITA Al CINEMA: 13/01/12
REGIA: Tomas Alfredson

SCENEGGIATURA: Bridget O’ Connor, Peter Straughan

ATTORI: Gary Oldman, John Hurt, Mark Strong, Tom Hardy, Colin Firth

FOTOGRAFIA: Hoyte Van Hoytema

MUSICHE: Alberto Iglesias

PAESE: Gran Bretagna/ Francia

GENERE: Spionaggio
DURATA: 127 Minuti


La talpa - Trailer

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]