Venerdì, 02 Marzo 2012 16:10

“The Double”: Richard Gere collante di un improbabile puzzle poliziesco. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - L’agente Paul Sheperdson, ormai in pensione, viene richiamato in servizio per indagare sull’omicidio di un senatore. Lo affianca il giovane e metodico Ben Geary, fresco di accademia, con all’attivo una tesi di master sul misterioso Cassius, principale indiziato dell’assassinio. Paul tuttavia, che ha dato inutilmente la caccia a Cassius per anni, non è affatto convinto che sia lui il responsabile.


The Double unisce alla trama classica del film di spionaggio la carica adrenalinica tipica del thriller d’azione. E’ una soluzione rodata e vincente che riesce a catturare l’attenzione dello spettatore fino ai titoli di coda nonostante l’assenza della trovata illuminante. Forse però il merito principale va assegnato all’ interpretazione robusta e convincente di Richard Gere. Non era una prova d’attore semplice poiché i colpi di scena, che come da tradizione rimescolano le carte più volte, rischiano di distruggere ogni parvenza di coerenza dei personaggi. La dualità nel sentire e nell’agire può riguardare certamente ognuno di noi. Qui tuttavia non si tratta di affrontare la complessità dell’animo umano, bensì di creare una realtà, una cornice di senso per lo spettatore e poi deliberatamente capovolgerla giocando sul potere della sorpresa. I personaggi dunque, come il dio Giano, hanno due facce che guardano in direzioni opposte.

Sono costruiti giustapponendo frammenti e pezzi che hanno ben poca relazione fra loro. Ma forse il problema è di chi, come me, non riesce a calibrare bene i parametri di giudizio su un genere cinematografico (lo spionaggio) che inevitabilmente tratta di bugie, simulazioni, trucchi. E’ il non volersi rassegnare al fatto che la finzione è così dannatamente reale e presente. In questo caso tuttavia si eccede con l’artificio e se con il colpo di scena si mette a rischio la plausibilità allora forse era meglio sparare una cartuccia in meno. Detto questo considerando il contesto generale di un film che ha poche pretese di far riflettere e molta voglia di intrattenere la sceneggiatura svolge efficacemente il proprio compito. Le scene d’azione sono efficaci e nella regia si può scorgere la mano di un bravo artigiano che sa mescolare nelle giuste dosi i diversi elementi. Fermo restando che il piatto forte, come detto, è costituito da Richard Gere e dalla insospettabile efferatezza del suo “Paul”.


USCITA AL CINEMA: 09/03/12
REGIA: Michael Brandt
SCENEGGIATURA: Michael Brandt, Derek Haas
ATTORI: Richard Gere, Topher Grace, Tamer Hassan, Martin Sheen
FOTOGRAFIA: Jeffrey Kimball
PAESE: USA
GENERE: Thriller/Spionaggio
DURATA: 98 Minuti


The double – trailer italiano

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]