Domenica, 04 Marzo 2012 11:41

“Là bas Educazione Criminale”: un immigrato a Castelvolturno. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Altrove, laggiù: “Là bas” è il nome dato da familiari e amici al luogo dove finiscono i loro parenti  immigrati africani. Europa, Italia, non importa dove, per loro quel luogo è semplicemente “lontano”.


E il “Là bas” di Yussouf, protagonista del film, è Castel Volturno, a 30 km da Napoli e a 500 dall’Africa. A Castelvolturno con circa ventimila africani, teatro della strage del 18 settembre 2008 - dove sei giovani immigrati persero la vita per la sola “colpa” di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato -  il regista Guido Lombardi ha deciso di ambientare il suo primo film. La storia di “Là bas Educazione Criminale”, racconto sulla formazione alla malavita di un giovane immigrato,  era già in gestazione quando avvenne la carneficina e fu ineludibile inserirla nella sceneggiatura.
Yussouf (Kader Alassane) arriva a Castel Volturno per raggiungere lo zio Moses (Moussa Mone), convinto che in Italia grazie a un buon lavoro possa realizzare il suo sogno e diventare artista. Ma la realtà non combacia con i sogni. Nella casa delle candele, così chiamata per via della discontinuità dell’elettricità, sono numerosi gli immigrati, da anni in Italia, che vi passano la notte. Di giorno la loro casa è la strada, dove vendono al semaforo fazzoletti; lo squallore e il degrado che regna intorno,  come pure la sincerità degli affetti che lega la piccola comunità,  non sono lontani dall’Africa appena lasciata.


L’incontro di Yussouf con lo zio Moses lo rende “avventuriero”, parola romantica per dire trafficante di cocaina, e non più semplice immigrato. Lo smarrimento dei primi giorni in Italia lascia spazio al cinismo e alla freddezza, grazie anche alle lezioni di vita criminale dello zio. Gli africani sono ospiti a Castel Volturno e la camorra è la padrona di casa. Lo scontro tra le due parti per il controllo del traffico dell’ “oro bianco” sarà il percorso, pagato a caro prezzo, di Yussouf  che lo porterà a scegliere da che parte stare. Nella storia ci sono inoltre Suad (Esther Elisha), una giovane prostituta di cui Yussouf si invaghisce, Germaine (Billi Serigne Faye) il primo amico del protagonista in terra italiana e Idris (Alassane Doulougu) riferimento per tutta la comunità africana del posto. Ognuno, espressione di un modo di vivere la condizione di immigrato in Italia.
Il film è interpretato da attori non professionisti, ad eccezione di  Esther Elisha, attrice italiana di origini del Benin. Tutti bravissimi, rendono drammaticità autentica al racconto. Efficace anche la scelta di girare il film nelle lingue di origine, inglese e francese, che proietta lo spettatore nel mondo del diverso.
L’opera di esordio di Lombardi, ben curata in tutti gli aspetti stilistici e tecnici, è uno sguardo dall’interno sulla dura condizione degli immigrati nel nostro Paese, per loro ancora quello della speranza. Il bivio semischiavitù e criminalità,  si apre netto e la scelta non è sempre facile.
Joseph Ayimbora, ghanese, fu l’unico sopravvissuto della strage, detta anche di San Gennaro. Si finse morto e nonostante le numerose ferite riuscì a salvarsi. La sua testimonianza è stata decisiva per l’arresto dei colpevoli, condannati in primo grado all’ergastolo. Joseph Ayimbora è morto pochi giorni fa, diventando la vittima numero sette. “A tutte loro - racconta in conferenza stampa Guido Lombardi - è dedicato il film “Là bas Educazione Criminale”.
Il film, presentato alla 68esima Mostra del Cinema di Venezia, ha vinto il Leone del Futuro-Premio Opera Prima Luigi De Laurentis e il Premio del Pubblico Kino come Miglior Film. Il film nelle sale dal 9 marzo, con una distribuzione in 15 copie,  è buona occasione per immergersi in una realtà che  facciamo finta di non vedere, per superare i  pregiudizi che ancora dividono il mondo dei bianchi da quello dei neri.

Là Bas Educazione Criminale
Scritto e diretto da Guido Lombardi
Una produzione Eskimo, Figli del Bronx e Minerva Pictures
Con Kader Alassane, Moussa Mone, Ester Elisha, Billi Serigne Faye, Alassane Doulougou, Fatima Traore e  Salvatore Ruocco
Montaggio Annalisa Forgione, Beppe Leonetti
Fotografia Francesca Amitrano
Musiche Giordano Corapi



Là bas – educazione criminale – Trailer italiano

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]