Lunedì, 19 Marzo 2012 09:42

“The Raven”: gli ultimi giorni di Edgar Allan Poe. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - È un Edgar Allan Poe sbronzo, attaccabrighe, in polemica con chi non lo apprezza e lo deride quello che appare sin dalle prime battute di “The Raven”, ultimo film di James Mc Teigue, regista di “V per Vendetta”, suo esordio del 2005 ispirato ai fumetti di Alan Miller.



Ma quando una madre e figlia vengono assassinate in una Baltimora grigia e piovosa del XIX secolo, il detective Emmet Fields è costretto a chiedere aiuto al poeta maledetto: i due delitti, infatti, sembrano somigliare a un omicidio descritto in una serie di racconti che Poe pubblica con una certa frequenza nel quotidiano locale. Gli omicidi continueranno, tutti troppo simili a quelli immaginati da Poe e ognuno con un indizio nel corpo delle vittime: con il rapimento dello scrittore, da parte del serial killer della fidanzata,  inizierà un’avvincente lotta contro il tempo per scoprire l’identità dell’assassino e salvare  la donna.

Con John Cusack nei panni di Edgar Allan Poe e Luke Evans in quelli del detective Emmet Fields, “The Raven” è la conferma del talento visionario di James Mc Teigue, che dai tempi di “V per Vendetta” non era più riuscito a bissare quanto di buono aveva mostrato nel suo esordio.
Thriller gotico sorretto da una bellissima fotografia che rimanda ad alcuni lavori di Tim Burton, “Il Mistero di Sleepy Hollow” su tutti, senza però l’ironia che contraddistingue le opere del regista di Batman, il film cerca di dare una sua particolare spiegazione alla morte misteriosa di Poe, trovato delirante nelle strade di Baltimora e portato successivamente in ospedale: qui non fu mai sufficientemente lucido da spiegare il perché si trovasse in quelle condizioni e morì qualche giorno dopo.


Note tecniche

The Raven

Nazione: 
Usa
Anno: 
2012

Genere: 
Thriller

Durata: 
109

Regia: 
James Mc Teigue


The raven - trailer

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]