Domenica, 25 Marzo 2012 17:08

“Marigold hotel”: terza età con buon gusto. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Attratti da una pubblicità ingannevole, alcuni cittadini inglesi di età avanzata decidono di partire per l’India.

Le motivazioni sono le più disparate: c’è chi si proietta nel futuro e vuole una occasione per iniziare una nuova vita e chi invece è indissolubilmente legato ad un episodio del passato. Alcuni sono alla ricerca di una anima gemella, altri devono fare i conti con la salute precaria ed una vecchiaia che avanza. Il “Marigold hotel” del titolo è una struttura sulla carta lussuosa, in realtà fatiscente, all’interno della quale si svolgono le vicende che segneranno indelebilmente la vita di tutti i personaggi.


E’ una commedia interessante che possiede una dote sconosciuta a buona parte delle opere affini: stiamo parlando del buon gusto. In questo caso lo humor è naturalmente inglese e non c’è spazio per le scene sguaiate tanto care al cinema contemporaneo. Azzardando potremmo dire che “Marigold hotel” è un film dotato della “leggerezza” decantata da Italo Calvino. La sobrietà dello stile consente di sfiorare in maniera non del tutto scontata tematiche di grande attualità. In primo luogo l’innalzamento progressivo dell’età media e i problemi ma anche le nuove opportunità che l’anzianità può offrire. Un fenomeno sociale che peraltro può tramutarsi anche in business se consideriamo che nel film il progetto del giovane proprietario indiano del Marigold hotel riguarda la “delocalizzazione della vecchiaia”. Ad ogni modo non vorremmo illudervi: nonostante i pregi non siamo di fronte ad un capolavoro. E’ sicuramente un film corale e fra i troppi coristi inevitabilmente qualcuno stecca. C’è troppa carne al fuoco e così storie potenzialmente interessanti vengono poco approfondite. Inoltre la sceneggiatura non è immune da stereotipi culturali e la parte finale è stiracchiata. Nel film viene a più riprese proposto un modo di dire ottimistico: “alla fine tutto andrà per il meglio e se non è tutto ok, vuol dire che non è ancora la fine”. Il rischio nel caso in questione è che non si finisca mai. Dato che si parla di vecchiaia, lunga vita a chiunque. Ma un film può anche morire prima, indolore. Tanto le cose di valore permangono nel ricordo anche dopo la conclusione. Basti pensare, ad esempio, alle splendide performance delle interpreti femminili.

USCITA AL CINEMA: 30/03/12
REGIA: John Madden
SCENEGGIATURA: Ol Parker
ATTORI: Judi Dench, Patty Smith, Dev Patel, Celia Imrie, Bill Nighy
FOTOGRAFIA: Ben Davis
MUSICHE: Thomas Newman
PAESE: Gran Bretagna
GENERE: Commedia
DURATA: 124 Minuti

Marigold hotel - trailer

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]