Veronica Adriani

Veronica Adriani

ROMA - Il 2 novembre del 1975 moriva all'idroscalo di Ostia Pier Paolo Pasolini. Trentanove anni dopo, il 2 novembre del 2014, Fabrizio Gifuni lo ricorda sul palco del Teatro Argentina, inaugurando con qualche mese di anticipo l'apertura dell'”anno pasoliniano” 2015. Del resto è tutt'altro che nuovo l'impegno di Gifuni verso l'opera del grande scrittore.

ROMA - “Immaginate la vostra terra. Provate ora a immaginarla in silenzio, senza più colori, voci, profumi: deserta. Un silenzio irreale che avvolge e ovatta tutto. Sembra impossibile immaginare una Napoli vuota senza napoletani, una Roma vuota senza romani. Bene, settant’anni fa, in Dalmazia, in Istria e a Fiume questo è accaduto”.

ROMA - Fin dai tempi di Sputi, quello tra Marco Paolini e Lorenzo Monguzzi – allora in veste di mercante di liquore – è stato un sodalizio vincente. È per questo che Paolini è diventato, tra l’altro, produttore dell’album da solista di Monguzzi, Portavèrta, raccolta di ballate in italiano e in dialetto protagoniste di Song n. 14, “concerto teatrale” che la scorsa estate ha toccato tra le altre tappe anche quella romana di Villa Ada.

ROMA - È la notte del 28 novembre 1935. Fernando Pessoa è in un letto d’ospedale, ha 47 anni e una crisi epatica in corso. Sa che morirà presto, lasciando dietro di sé i personaggi che ha creato e che lo hanno accompagnato per tutta la vita. Questi, notte dopo notte, tornano a fargli visita fino al suo ultimo respiro, alle 20:30 del 30 novembre 1935.

ROMA - Un paese tormentato dalla pioggia, un condominio abitato da persone comuni, una guerra civile in corso. E, sullo sfondo, l’attesa per l’arrivo di un dittatore che – si crede – risolleverà le sorti di un paese allo sbando. Questa, in estrema sintesi, la trama dei Discorsi alla Nazione di Ascanio Celestini, in scena al Teatro Vittoria fino al 20 ottobre.

ROMA - Una doverosa premessa: prima di entrare in sala a vedere Cronaca di una crisi annunciata, avevo letto come sempre il comunicato stampa che presentava lo spettacolo. Della descrizione generale mi aveva colpito soprattutto un passaggio, che recitava: “È una cronistoria appassionata dello sviluppo del pensiero economico liberista e delle sue principali manifestazioni dagli anni Sessanta fino all’Europa di domani.”

ROMA - C’era una volta, nella Chicago degli anni ’30, un piccolo criminale aspirante gangster. Sfruttando il malcontento della popolazione e la difficile crisi economica, costui riuscì pian piano a costruire la sua potenza e il suo impero: il suo nome era Arturo Ui.

ROMA - L’ecologia spiegata a teatro: così si potrebbe riassumere in una frase “Sei gradi”, il nuovo spettacolo di Giobbe Covatta scritto a quattro mani insieme a Paola Catella e prodotto dal Teatro Stabile di Innovazione “L’Uovo” dell’Aquila.

ROMA - Quanto conta essere gay nell’Italia di oggi? Più o meno quanto contava nella Francia di Francis Veber 10 anni fa. Dichiararsi omosessuale può allontanare da sé lo spettro di un licenziamento immotivato, diventare un’icona di riscossa e perfino cambiare la vita di chi si ha intorno.

ROMA - Dopo i Sette contro Tebe, l’Antigone, l’Edipo Re e l’Edipo a Colono, Mario Martone torna a rappresentare il mito di Edipo. Lo fa stavolta con Carlo Cecchi, Antonia Truppo e Angelica Ippolito, dando vita sulla scena a un testo complesso, visionario e surreale: La serata a Colono di Elsa Morante.

Pagina 1 di 2

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]