1111.jpg

 

Festival di Cannes

CANNES (nostro inviato) Un’ovazione da parte della stampa internazionale ha accolto “Girl”, opera prima del ventiseienne fiammingo Lukas Dhont, l’interprete è Victor Polster, adolescente bravissimo anch’esso al debutto. Film che concorre nella sezione parallela “Un certain regard” e parla dei tormenti di un transgender. Tra i critici “Le Figaro” si è spinto a definirla la vera sorpresa di Cannes.

Mezzo secolo fa, nel tormentato 1968, andavamo al cinema a vedere un film che ci lasciava tutti a bocca aperta: 2001 Odissea nellospazio, il capolavoro di Stanley Kubrick, “il film di fantascienza – come ebbe giustamente a definirlo Morando Morandini - più inquietante, adulto, stimolante e controverso che sia mai stato fatto”.

CANNES (nostro inviato) -  “Le livre d’image” di Jean Luc Godard è un’opera divisa in cinque capitoli, sorta di collage, Blob d’autore, rielaborazione di figure prese dalla storia del cinema, della fotografia e della pittura negli ultimi 200 anni.

CANNES – Kirill Serebrennikov, regista di “LETO”, in italiano L’estate, non è potuto essere a Cannes perché agli arresti domiciliari in patria per problemi legati al fisco, alcuni affermano si tratti di un pretesto del governo per far tacere un dissidente scomodo.

CANNES (nostro inviato) - Su una Croisette tanto stracolma che gli addetti ai lavori hanno difficoltà a raggiungere il desk per ritirare gli accrediti, con i quali non riescono poi a vedere le proiezioni perché da quest’anno sono state abolite quelle solo per alla stampa, c’è sempre la possibilità di assistere alle proposte più innovative del cinema lontano, attraverso cui sentire il polso del pianeta. Nella sezione “Un certain regard” ci arriva “Rafiki”, in inglese Friend, di Wanuri Kahiu, un esempio di sostanza del cinema africano.

Lunedì, 07 Maggio 2018 10:21

Cannes 71. Film in concorso e novità

Scritto da

CANNES  (nostro  inviato) Martedì 8 maggio parte la 71esima edizione del Festival di Cannes e finirà il 19. Si parla quest’anno di un festival sottotono. Sarà vero? Se per sottotono si intende il fatto che c’è molta poca Hollywood e un po’ d’Italia, allora sì. 

CANNES -  Uno degli interrogativi che aleggia sul palazzo del cinema a pochi giorni dall’apertura del festival riguarda un autore e un film italiano: Paolo Sorrentino e il suo Loro appena uscito in Italia in due parti. Ed è proprio nel fatto che il film è praticamente doppio (come a suo tempo lo furono Novecento di Bernardo Bertolucci e più recentemente La meglio gioventù di Andrea Giordana) sta la ragione del rifiuto da parte della direzione della rassegna sulla Croisette di prenderlo in concorso o fuori. Un pretesto?

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]