1111.jpg

 

Lunedì, 29 Maggio 2017 09:26

Cannes 70 . Della Palma d’Oro e altri onorevoli premi

Scritto da

CANNES  - Ha vinto la Palma d’oro Ruben Östlund  con The Square.  Film satirico, che mette in rilievo le peggiori tendenze della nostra epoca. Il cineasta é  un fedelissimo  del Festival di Cannes. Selezionato e premiato nelle sezioni parallele della Quinzaine des realisateurs e di Un certain già due volte.  Il suo esordio nel concorso uffiale è stato un trionfo.

« The Square » è la storia di un direttore di museo, che prepara un’ esposizione sperimentale chiamata The Square : un’istallazione su una piazza  di Stoccolma che ha per tema la solidarietà.   Ma, nei fatti, quando dovrà dare prova di altruismo si rivela più meschino del previsto.  In conferenza stampa alla domanda con chi  dei registi in gara avrebbe voluto  condividere il premio, Ruben Östlund    ha risposto con Haneke, ma si é pentito, e ha detto sorridendo scherzoso « anzi no, ci ho ripensato non voglio condividerlo proprio con nessuno». 

Y were never really here , ultimo e bel  film  del concorso della regista inglese Linne Rasmay, torna a casa con due premi : per la miglior sceneggiatura e per la migliore interpretazione maschile dell ‘attore Joaquim Fox, che è davvero straordinario e magnetico . E’ un soldato che salverà una ragazzina coinvolta in un giro di prostituzione

Il premio per la miglior attrice é andato alla tedesca Diane Kruger, perfetta nella parte di una donna che perde tutto e deve ripartire da zero. «  E’ una guerriera » - ha detto la Kruger -  «  il regista mi ha spinto a tirare fuori da me, cose che non immaginavo di avere . Sono molto cambiata e porto sempre in me il personaggio di Katia » .

Il grand Prix  é andato a Robert Campillo per il suo « 120  battements par minute », un’ovazione assoluta in Sala grande alla Cerimonia di chiusura,. Pedro Almodovar era commosso e ha dichiarato di aver conociuto nella vita alcune scene del film.

Il Grand Prix della giuria a Loveless del regista russo  AndreyZvygintsev, un film appauditissimo dalla critica e dal pubblico . Tema centrale del film é l’assenza d’amore per il proprio figlio , l’assenza d’empatia dopo 13 anni di matrimonio. Il regista ha detto : « Sullo sfondo c’é la politica, ma mi interessava fare un discorso sulle relazioni umane, qualcosa di universale, non solo  russo » .

A Sofia Coppola per  The beguled( l’inganno) il premio per la miglior regia, ma la regista americana non ha potuto ritirare il premio,  era  già partita da Cannes come una delle protagoniste del suo film  Nicole Kidman, che ha vinto il Prix du 70° anniversario.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077