1111.jpg

 

Venerdì, 20 Aprile 2018 12:07

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Scritto da

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si aprirà l’8 maggio per concludersi il 19, la giuria internazionale chiamata dal direttore Thierry Frémaux a proclamare i vincitori della palma d’oro sia composta in maggioranza da donne.

La settantunesima edizione del festival sulla Croisette è la prima grande ribalta europea dopo lo scandalo delle molestie alle donne del cinema sedotte dall’ingordo Harvey Weinstein, il produttore sempre a caccia di stelline. E giustamente vuol dare un segnale: “Le donne, non solo quelle del cinema, vanno rispettate” aveva detto il direttore della rassegna rispondendo a chi gli chiedeva se il festival avrebbe idealmente partecipato al movimento mondiale me-too. E ha cominciato dalla giuria stabilendo una prevalenza femminile: cinque contro quattro. A partiredalla presidentessa che è l’australiana Kate Blanchett, un’attrice fra le più amate non solo in Francia e che merita pienamente l’onore. Ma quello che sorprende è la maggioranza che per la prima volta nella storia del festival va alle donne. 

      Contro i selfie definiti “stupidi e volgari”, e aprendo  le ostilità con Netflix e le sue produzioni non destinate alle sale cinematografiche, il direttore aveva anche detto che quest’anno il festival avrebbe reso omaggio alle donne a ideale riparazione delle offese ricevute sul famigerato “divano del produttore”.  Ed ecco le cinque star con la fascia da giurato chiamate sulla Croisette: l’attrice americana Kristen Stewart, un’hanitué del festival che deve a Twilight una popolarità che non accenna a cedere al tempo, l’attrice Lea Seydoux, attrice e modella francese già vincitrice a Cannes con La vita di Adele e recente bond-girl in Spectre e come tale apprezzatissima dal box office, la sceneggiatrice americana e regista Ava DuVernay, autrice di Selma - La strada per la libertà e Nelle pieghe del tempo, la cantante Khadja Nin vedette della pop-world music nata in Burundi e residente in Belgio.

Capeggiate dalla fascinosa Blanchett, fronteggeranno nelle decisioni collegiali i colleghi maschi che sono i registi Denis Villeneuve, canadese, Robert Guédiguian, francese, Andrei Zviaguintsev, russo, e l’attore cinese Chiang Chen. 

Il fatto di avere una maggioranza di donne nella giuria principale aiuterà alcuni film e ne sottovaluterà altri? Il quesito se lo sono posti in tanti nelle segrete stanze del Festival, ma è improprio, oltre che non all’altezza dei tempi: anche nel cinema un giudizio femminile non vale certo di meno di quello maschile, al contrario può essere più approfondito e apprezzabile. Saranno avvantaggiate le registe? Già s’immaginano le polemiche, a premi assegnati.

L’Italia è in concorso con Dogman di Matteo Garrone, un thriller ambientato nella Roma degli anni Ottanta protagonista un energumeno che le cronache definirono “il canaro di Primavalle” perché prima di fare a pezzi la sua vittima lavorava nello studio di un veterinario, e Lazzaro felice, una delicata storia di fratelli di cui è autrice Alice Rohrwacher, la sorella regista dell’attrice Alba. Quale dei due film italiani piacerà di più ai cinque noni della giuria internazionale?  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]