1111.jpg

 

Mercoledì, 09 Maggio 2018 23:21

Cannes 71. “Rafiki” di Wanuri Kahiu. Il cinema africano parla di tolleranza sessuale

Scritto da

CANNES (nostro inviato) - Su una Croisette tanto stracolma che gli addetti ai lavori hanno difficoltà a raggiungere il desk per ritirare gli accrediti, con i quali non riescono poi a vedere le proiezioni perché da quest’anno sono state abolite quelle solo per alla stampa, c’è sempre la possibilità di assistere alle proposte più innovative del cinema lontano, attraverso cui sentire il polso del pianeta. Nella sezione “Un certain regard” ci arriva “Rafiki”, in inglese Friend, di Wanuri Kahiu, un esempio di sostanza del cinema africano.

Racconta di due ragazze keniote, che abitano nello stesso quartiere di Nairobi. Si chiamano Kena e Ziki. Le due si frequentano, vanno a scuola insieme e si sostengono, sognano entrambe di vivere in un mondo più libero: Kena è brava negli studi e vorrebbe fare l’infermiera, Ziki la sprona a diventare medico perché sue capacità sono superiori. A un certo punto le amiche scoprono di essere innamorate, cosa non facile da farsi accettare nella loro realtà: una tra l’altro è figlia di un politico in campagna elettorale. Lo scandalo non tarda a scoppiare e le due giovani sono linciate … 

Riuscirà Kena a diventare medico? Le due riusciranno a imporre il diritto al proprio orientamento sessuale?

Interessante è che a Cannes, nella sezione che raccoglie le proposte più originali del cinema nuovo, si possa costatare che dall’Africa arrivano voci a difesa dei diritti civili. Ciò da l’idea di quanto il mondo sia un villaggio globale e come la contaminazione culturale sia veicolo di riflessione e progresso, fa apparire retrogradi i moralismi che allignano in alcuni paesi ricchi, rendendo evidente che il denaro non è cartina di tornasole della qualità della vita.

  • Genere: drammaticosentimentale
  • Titolo originale: Rafiki
  • Paese/Anno: FranciaGermaniaKenyaOlandaSud Africa | 2018
  • Regia: Wanuri Kahiu
  • Sceneggiatura: Jenna Cato BassWanuri Kahiu
  • Fotografia: Christopher Wessels
  • Montaggio: Isabelle DedieuRonelle Loots
  • Interpreti: Charlie KarumiDennis MusyokaJimmy GathuMuthoni GathechaNeville MisatiNice GithinjiNini WaceraPatricia AmiraPatricia KihoroSamantha MugatsiaSheila Munyiva
  • Produzione: Ape&BjørnBig World CinemaMPM FilmRazor Film Produktion GmbHRinkel FilmSchortcut Films
  • Durata: 82'
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]