1111.jpg

 

Mercoledì, 16 Maggio 2018 09:48

Cannes 71. Il più applaudito è “En guerre”, sulla brutale chiusura di una fabbrica

Scritto da

CANNES (nostro inviato) - “En guerre” di Stephane Brizé, film francese in corsa per la Palma d’oro, immerge lo spettatore nell’epico conflitto tra 1100 dipendenti di una fabbrica i quali, dopo aver lavorato per due anni più ore con lo stesso stipendio per evitarne la chiusura, si vedono messi alla porta, anche se l’azienda ha avuto profitti record.

Guidati da Laurent Amedeo (Vincent Lindon) rifiutano la decisione brutale dello smantellamento e iniziano una battaglia per salvare il loro salario … Il film parte con questa citazione di Brecht “Chi combatte rischia di perdere, ma chi non combatte ha già perso”, immergendoci in uno scontro tra le classi: di qua i detentori di patrimoni che hanno dalla loro anche le leggi dello stato, di là chi possiede solo la propria forza lavoro. Attraverso le vicende di una filiale di subappalto automobilistico, affronta il problema della disparità tra i sempre più ricchi e gli esseri umani esautorati dei loro diritti basilari: si parla di redditività, profitto, sondaggi sull’economia, delocalizzazione, piani sociali, realtà di mercato. Manipolazioni e bugie alle quali gli operai rispondono citando le cifre faraoniche dei dividendi degli azionisti e gli incredibili salari degli amministratori delegati. Il talento di quest’opera sta nella capacità di esemplificare, in un dato luogo e attraverso una finzione romanzesca, la dinamica documentata di un’intollerabile patologia globale.

“En guerre”, con una straordinaria interpretazione di Vincent Lindon, è finora il più applaudito della Croisette, il pubblico si è alzato in piedi, ha continuato a battere le mani per un tempo interminabile, ha scandito lo slogan degli operai in lotta sindacale e si è tranquillizzato solo quando regista e cast sono usciti dalla sala Lumiére.  Tanto coinvolgimento si deve ovviamente all’ottima regia di Stéphane Brizé, alla bravura di Lindon e del cast, ma anche al tema universalmente sentito come il più doloroso del nostro tempo: la perdita del posto di lavoro. 

Regia di Stéphane Brizé

Un film con Vincent LindonMélanie RoverJacques BorderieDavid Rey

Titolo originale: En guerre. 

Genere Drammatico - Francia2018

Durata 105 minuti. 

Distribuito da Academy Two.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La plastica: arte per i Beni Culturali

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077