Sabato, 10 Novembre 2012 12:27

RomaFilmFest. Il gioco degli specchi. Storia sociale dell’Italia attraverso il cinema

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La seconda giornata del Festival di Roma ospita stasera la curiosa storia sociale d’Italia dal 1945 agli albori degli anni ’80 raccontata attraverso il suo speciale rapporto con il cinema ne Il gioco degli specchi scritto da Carlo di Carlo e Flavio De Bernardinis e diretto dallo stesso di Carlo.


Familiare narratore di storie di cinema, con film, documentari e studi critici (con un importante attenzione su Antonioni), di Carlo propone un viaggio nella lunga storia della prima repubblica – una storia non conclusa, dalle implicazioni oggi più che mai presenti – riletta alla moviola e al montaggio di immagini dello straordinario Archivio Luce, con un intreccio serrato di svolte cruciali, volti e luoghi-simbolo, con effetti sorprendenti sul loro senso: è il caso di due dei nomi più ricorrenti, Pier Paolo Pasolini e Aldo Moro, di cui i rapidi tagli dei cinegiornali - talvolta superficiali e derisori - descrivono con paradossale precisione la drammatica parabola. O come la maschera di Totò, immortalato all’uscita dalla cabina elettorale, meno teatrale e più discreto di alcuni uomini di potere. Le premiazioni del mondo del cinema, solenni e rituali, si alternano a interviste e dibattiti su importanti questioni sociali, che strappano il sorriso.
La censura e il permissivismo, la chiusura dei cinema, la pervasività televisiva, il ruolo della donna, la crisi economica, una democrazia sempre troppo giovane e una classe politica antica, addirittura l’arrivo della Cina sulla scena internazionale, sono questioni aperte, che per un curioso rovesciamento di prospettiva, si scoprono vive e attuali da più di cinquant’anni.
Nell'abisso dello specchio, resta la verità di altre immagini: la Magnani a una prima cinematografica; Sordi che doppia se stesso (e Valpreda che interpreta se stesso); la timidezza dei giovani protagonisti del Posto di Olmi; una lunga, cruda sequenza di scontri nel ’68 alla Sapienza di Roma; la neve finta sulla Milano realista di Visconti; una frase di Germi su un suo film, buona per descrivere qualcosa di più: “è strano, abbiamo riso tanto e siamo spaventati”.

Una cavalcata nella nostra storia recente e viva, nei suoi riflessi commoventi, drammatici e farseschi, alla luce dell’immaginario del cinema: uno strumento di finzione, ma non di rado implacabilmente veritiero.
In occasione del passaggio al Festival di Roma, il film avrà una speciale uscita home video nella capitale, per arrivare poi a Dicembre in tutta Italia, distribuito da Istituto Luce-Cinecittà.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]