Domenica, 10 Novembre 2013 09:14

Festival di Roma. John Hurt: “Sono attore senza metodo”. Video

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – (nostro inviato) - E' stato il giorno di John Hurt. Il celebre attore britannico si e' confrontato oggi con il pubblico, durante il primo dei numerosi incontri del Festival Internazionale del Film di Roma.  Applausi fragorosi  quando ha fatto il suo ingresso sul palco della Sala Petrassi dell’Auditorium,  presentato da Mario Sesti come uno dei più grandi interpreti della  scuola inglese. Hurt e' tra i caratteristi piu' apprezzati e versatili, capace di adattarsi a ogni tipo di ruolo, protagonista di pellicole memorabili come Alien, The Elephant Man e 1984, tratto dall'omonimo romanzo di George Orwell.

L'evento si e' aperto con una video-carrellata dei suoi principali successi.  Poi Hurt ha iniziato a raccontare di se: ''Tutto e' partito dalla scuola. A 9 anni studiavo in un istituto di soli maschi e, visto che ero carino, fui scelto per interpretare la parte di una bambina. Fu allora che capii che recitare sarebbe stata la mia strada. I miei genitori non erano d'accordo: amavano il teatro, ma non riuscivano ad accettare il fatto che entrassi a farne parte. Dopo la guerra, del resto – ha sottolineato - contava avere rispettabilita' e sicurezza, caratteristiche che non erano proprie del mestiere di attore. Anni dopo, in un wimpy bar, ho incontrato due ragazze australiane che studiavano flamenco. Erano spiriti liberi, spiantate. M’invitarono con loro. Così,   un po’ di formaggio, un po’ di vino, qualche sigaretta -  qualcuna di un certo tipo -  mi spinsero a inseguire il mio sogno, a tentare di entrare alla Royal Academy. Una volta fatta domanda, fui supportato anche dall’università”.

 

John Hurt ha proseguito sul filo dell'ironia, rievocando le trattorie italiane nella City anni Settanta, la Swinging London,  la Nouvelle Vague e l'amore per Michelangelo Antonioni. Si è abbandonato ai ricordi, alla nostalgia bonaria della freschezza giovanile destinata a non tornare piu'. A chi gli ha chiesto che metodo usasse per calarsi in una parte ha risposto ''Io non sono un attore che ha metodo, non sono un uomo del metodo''. Resta il fatto che,senza metodo, John Hurt e' diventato,  un simbolo della 'scuola britannica'. ''Credo che gli attori cinematografici inglesi – ha detto - siano enormemente migliorati negli ultimi anni. Prima non c'erano cosi' tanti bravi attori nel cinema inglese. Forse perché il cinema era visto come un modo per guadagnare soldi facili e continuare a fare teatro. Ora per fortuna le cose sono cambiate. Il teatro non morira' mai – ha concluso -  e spero che il mondo del cinema comprenda che il denaro non e' l'unico aspetto di cui tener conto quando si realizza un film.'' 

 

Hurt e' presente al Festival con l'opera fuori concorso di Joon-Ho Bong Snowpiercer, presentata ieri sera.

 

Doctor Who John Hurt   - Video


Last modified on Domenica, 10 Novembre 2013 17:50
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

L'angolo dei classici

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]